Massimo Massaro non è più l’head coach della Primelab Angri Pallacanestro.

Dopo un lungo confronto interno, la Primelab Angri Pallacanestro comunica di essersi separata consensualmente dall’head coach Massimo Massaro. La decisione, maturata nella giornata di ieri, è stata presa di comune accordo con il coach. La società ringrazia Massaro per l’impegno profuso sempre con la massima professionalità e disponibilità, senza dimenticare che è anche grazie a lui se, ad oggi, la Primelab è una delle società più importanti del panorama cestistico campano. Il sodalizio doriano è già all’opera per valutare i possibili successori del coach napoletano.

Ecco le dichiarazioni del presidente della Primelab Angri Pallacanestro, Alfonso Campitiello:

”Desidero ringraziare coach Massaro per quanto fatto per Angri e per la nostra società. Massimo è stato per me una guida importante prima personalmente e poi per tutto il movimento che rappresento. Purtroppo fino ad ora abbiamo avuto un’annata molto difficile, determinata soprattutto dalla mancanza di risultati che poi ci hanno portato a questa decisione. Ci tengo comunque a dire che non è un esonero, ma una scelta consensuale che è stata dura per entrambe le parti; per il coach, dato il suo amore per questa città e per questi colori, sia per noi che siamo tenuti a fare il bene di questa società. Serviva, dunque, una scossa all’ambiente; ora i ragazzi non avranno più alibi e saranno obbligati a fare una grande post-season sotto la nuova guida tecnica che comunicheremo a breve. Spero, in conclusione, che in futuro le strade di Angri e Massaro possano ritrovarsi ancora perché persone come lui, dalle nostre parti, avranno sempre massimo rispetto e massima disponibilità.”

A coach Massaro un grande in bocca al lupo per il prosieguo della sua carriera professionale. In attesa di aggiornamenti riguardanti il nuovo head coach, gli allenamenti berranno gestiti dal trio Iannone, Aramu, Conza.

Christian Montella.

Ufficio stampa Primelab Angri Pallacanestro

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi