L’Angri Pallacanestro attesa dall’impegno in trasferta contro il New Caserta Basket.

La vittoria ottenuta ai danni del Basket Bellizzi ha rilanciato le potenzialità dell’Angri Pallacanestro, arrivata alla 4ª vittoria consecutiva in questo avvio di stagione.

I ragazzi di coach Costagliola però non devono abbassare la guardia in vista del prossimo match, in programma Domenica 17 Novembre, in trasferta contro il New Caserta Basket.

Dopo aver letteralmente dominato lo scorso campionato di Serie C Silver, la compagine casertana ha modificato il proprio roster e, nonostante abbia aggiunto alcuni elementi di spessore, dopo le prime 5 giornate del campionato é ancora a secco di vittorie.

I neopromossi però non devono essere sottovalutati, dal momento che hanno tra le proprie fila uomini del calibro di Ernesto Carrichiello, ex di giornata, Gabriele Lucci, Raul Lazaro Diaz ed alcuni giovani interessanti come Pianese, Piazza e Brillante.

L’Angri sta vivendo un momento d’oro: Chiavazzo e compagni hanno raggiunto la consapevolezza nei propri mezzi giusta per continuare a vincere e convincere.

È dello stesso avviso l’assistant-coach dei doriani Daniel Saviano:

“Il momento è sicuramente positivo, soprattutto considerando che l’unica sconfitta è arrivata contri una squadra attrezzata ma soprattutto in una partita da noi condotta per quasi tutto il match. In una squadra giovane come la nostra è normale esaltarsi con poco, ed in questo momento ne abbiamo tutti i motivi. Ci esaltiamo con poco, quindi ora l’ambiente è positivo. Poi il carattere dei ragazzi aiuta a creare uno spogliatoio sereno: la professionalitá di ognuno di noi aiuta a lavorare in maniera funzionale. La classifica è bugiarda per la new basket, sono a zero vittorie ma a parte le prime due partite (agropoli e irpinia persa 20-0 a causa dell’assenza del medico) hanno sempre lottato fino alla fine, con la fortuna che quasi sempre li ha abbandonati. Non è una frase fatta dire che quest’anno, dato il livello del campionato, nessuna gara può essere presa sottogamba, soprattutto quando si gioca in trasfertal’avvio di stagione è sicuramente positivo, al di la delle vittorie abbiamo giá trovato una nostra identitá, penso che ad oggi possiamo ritenerci una realtá, a dispetto dello scetticismo mostrato dai piú all’inizio della stagione. La strada è lunga ma il modo in cui la stiamo percorrendo può solo farci ben sperare”

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

L’Angri Pallacanestro ingrana la quarta! Battuta Bellizzi 85-67.

Angri Pallacanestro-Basket Bellizzi: 85-67 (26-12; 21-19; 19-14; 19-22)

Quarta vittoria consecutiva per l’Angri Pallacanestro. Al PalaGalvani di Angri, i grigiorossi piegano le velleità del Basket Bellizzi e, con il risultato di 85-67, conquistano la 4ª vittoria consecutiva e continuano il loro splendido momento di forma. Chiavazzo e soci  si impongono fin da subito sui salernitani grazie ad una difesa solida ed un attacco ordinato e cinico, capace di trovare più soluzioni per scardinare la difesa ospite.

Con questa vittoria, i condors raggiungono quota 8 punti in classifica e si piazzano al 3º posto, alle spalle di Forio e Agropoli.

I quintetti:

Angri Pallacanestro: Seskus; Melillo; Chiavazzo; Sprude; Anaekwe.
Basket Bellizzi: Beatrice; Esposito; Di Mauro; Iannicelli; Chakir.

La partita:

Il match viene inaugurato dal canestro di Chakir il quale segna gli unici 2 punti della sua partita prima di lasciare il campo a causa di un infortunio. Nonostante il canestro iniziale ospite, i padroni di casa iniziano fin da subito a macinare gioco e punti e, grazie alla verve realizzativa di Anaekwe unita ad una solida difesa, piazzano a metà quarto un pesante break di 18-6 che indirizza fin da subito la contesa e costringe coach Sanfilippo a chiamare il primo timeout della serata. Al rientro in campo non cambia l’andamento del match, con Bellizzi che non riesce a trovare la via del canestro ed Angri che esegue alla perfezione gli schemi preparati da coach Costagliola; ne consegue un primo quarto a totale appannaggio dei condors, chiuso con il punteggio 26-12 che sembra togliere ogni speranza di vittoria ai viaggianti.

Nei secondi dieci minuti, Bellizzi prova a dare qualche segnale e tornare in partita grazie al contributo di capitan Di Mauro ed Esposito che trovano precisione dall’arco, si caricano la squadra sulle spalle e portano i loro uomini sul -4 (29-25). Angri per un attimo sembra accusare il colpo ma, grazie alle iniziative personali di Seskus, firma un break di 6-0 che gli consente di recuperare la doppia cifra di vantaggio (35-25). I doriani però non intendono fermarsi e con il duo Chiavazzo-Anaekwe accrescono ancor di più il vantaggio accumulato. Il buzzer-beater del centro angrese vale il +16 e manda le due squadre negli spogliatoi con il punteggio di 47-31.

La partita riprende ma non cambia il copione: l’Angri Pallacanestro è assoluta dominatrice del match e continua a decidere ed incidere il proprio ritmo alla partita. L’intero quintetto angrese è una vera e propria spina nel fianco per la difesa ospite che non riesce ad arginare le offensive dei padroni di casa, capaci di trovare canestri importanti sia dentro che fuori l’arco dei 6,75. Per Bellizzi è notte fonda; alla terza sirena, il tabellone elettronico del PalaGalvani dice 66-45.

Ultimi minuti di sostanziale gestione per la banda Costagliola. Lo staff tecnico doriano continua a far ruotare tutti gli uomini a propria disposizione, ricevendo risposte convincenti da tutti i giovani chiamati in causa. Il vantaggio rimane inalterato e, alla sirena finale, il punteggio è di 85-67 per i condors.

Non nasconde la soddisfazione, al termine del match, il coach doriano Massimo Costagliola:

“Abbiamo fatto un altro passo importante in avanti. L’approccio alla gara e’ stato molto positivo, i ragazzi sono stati bravi ad eseguire il piano partita difensivo con grande energia ed uguale attenzione. Contro il loro quintetto atipico fatto di tiratori sapevamo di poter avere vantaggi dal punto di fisico ma difficoltà di accoppiamento in difesa; siamo stati bravi a far pendere la bilancia a favore dei primi limitando al massimo la loro presa di vantaggio sui pick&roll ed appoggiando con discreta costanza la palla in area. Possiamo ancora migliorare nella gestione del ritmo ed in generale del vantaggio, dobbiamo riflettere su qualche passaggio a vuoto che ancora c’è ma abbiamo tempo e serenità per farlo. Un ringraziamento va al nostro pubblico per il caloroso sostegno, la sinergia creatasi tra tutte le componenti ambientali ci da ulteriore carica e stimolo a fare bene. “

I tabellini:

Angri Pallacanestro:Di Capua, Coppola, Melillo 6, Lo Piccolo, Cascone, Anaekwe 25, Amodio, Cirillo, Sprude 23, Seskus 18, Mwananzita 2, Chiavazzo 11. Coach: Massimo Costagliola.

Basket Bellizzi: Granata M. 2, Mauriello, Beatrice 8, Piacente, Chakir 2, Manning 7, Granata D., Iannicelli 14, Barrella 2, Di Mauro (C) 10, Esposito 22, Romanelli. Coach: Antonino Sanfilippo.

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

Angri attesa dall’esame Bellizzi.

Dopo il turno di riposo di domenica scorsa, l’Angri Pallacanestro è pronta a tornare in campo.

Ad attendere Chiavazzo e soci, nel 5º turno del campionato di Serie C Gold, ci sarà il Basket Bellizzi, squadra esperta ed accreditata da tutti come una delle principali contendenti al salto di categoria.

La gara si disputerà Domenica 10 novembre, presso il “PalaGalvani” di Angri, con la palla a due che verrà alzata alle ore 18:00. Il match sarà diretto dal 1° arbitro sig. Giovanni Morra di San Giorgio a Cremano (NA) e dal 2° arbitro sig.ra Simona Belprato di Cercola (NA).

Nonostante i favori del pronostico iniziali, i gialloblù non hanno approcciato al meglio il campionato, rimediando 3 sconfitte in queste prime 4 giornate di campionato.

Reduce dalla sconfitta, nel recupero della seconda giornata, contro Catanzaro, Bellizzi arriverà al PalaGalvani tentando di invertire la rotta e tornare ad un successo che, per Di Mauro e compagni, è fondamentale sia per il morale che per la classifica.

Al contrario, i doriani vengono da un ottimo momento di forma, certificato dalle 3 vittorie consecutive e dal raggiungimento di una coesione di squadra che può essere fondamentale a lungo andare. Chiavazzo e compagni, inoltre, non vogliono perdere l’imbattibiltá casalinga e far valere, contro un avversario di prestigio, la legge del PalaGalvani.

Dunque, ci sono tutti gli ingredienti giusti per poter assistere ad un vero e proprio big-match equilibrato vibrante e che potrà dare spunti interessanti su entrambi i roster.

È dello stesso avviso anche il coach Dell’Angri Pallacanestro, Massimo Costagliola:

Dopo un weekend di rispetto  c’e’ tanta voglia di tornare a giocare, desiderio amplificato dalla gioia di farlo sul parquet di casa davanti ai nostri tifosi a cui vogliamo regalare divertimento e piacere. Ci aspetta una partita difficile contro un avversario che conosciamo bene e verso cui nutriamo rispetto. Bellizzi è squadra molto esperta partita ad inizio stagione con obiettivi di vertice, il suo inizio stagione non è stato dei migliori ma il loro ruolino di marcia non deve ingannare perché frutto di varie sfortune e difficoltà incrociate da inizio anno. Noi abbiamo lavorato in questo periodo per proseguire il nostro percorso di crescita, provando a consolidare gli aspetti positivi emersi in queste giornate e migliorare ancora su alcuni limiti collettivi ed individuali. La squadra segue e nonostante qualche acciacco settimanale e’ pronta e consapevole di dover giocare una partita di grande energia ed uguale attenzione tattica. Confido nell’ apporto caloroso dei nostri tifosi, la loro carica potrebbe esser un ulteriore spinta per conquistare la vittoria e raggiungere un altro risultato importante per la nostra classifica. “

Christian Montella

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

Gli avversari: Basket Bellizzi

Dopo l’ottima prova e la vittoria contro la forte e blasonata Basket Isernia, ad attendere l’Angri Pallacanestro targata MondoAusili ci sarà un’altra delle squadre d’elite del campionato, il Basket Bellizzi.

Dopo la promozione conquistata nella stagione 16/17, la compagine salernitana si è fin da subito affermata ai vertici della pallacanestro campana grazie ad una società forte, un palazzetto caldo ed un progetto tecnico che, in diverse stagioni, ha portato i gialloblù ai play-off ed a disputare una finale di Coppa Campania, persa contro il New Basket Agropoli

Anche in questa stagione, dunque, Bellizzi partiva coi favori del pronostico, avendo confermato come guida tecnica Nino Sanfilippo, puntellato il roster con alcuni innesti di qualità e confermato lo zoccolo duro delle passate stagioni. Tuttavia, dopo le prime 4 uscite stagionali, il bilancio recita 1 vittoria e ben 3 sconfitte, meturate contro Irpinia, Forio e Catanzaro.

Nonostante il record negativo, i salernitani hanno a disposizione un roster importante e di qualità. In cabina di regia, Sanfilippo può contare sull’estro e l’esperienza di Ernesto Beatrice, playmaker navigato, specialista nel tiro dall’arco e capace di decidere le partite in qualsiasi momento. Ad affiancarlo in leadership, esperienza e talento, abbiamo capitano Di Mauro e l’ala piccola Gerardo Esposito, da diverse stagioni oramai al servizio della causa gialloblù.

Completano il quintetto l’ala Granata, proveniente dal Basket Club Irpinia ed il centro Giordano Chakir. Il primo, arrivato in sordina, è riuscito a scalare le gerarchie interne grazie a prestazioni convincenti che ne hanno certificato il talento e le doti individuali, mentre il secondo, proveniente dalla Virtus Fossano, ha già fatto vedere le sue doti nel pitturato.

La solidità del roster salernitano è data anche dalla panchina, da cui sono pronti a subentrare diversi cestisti interessanti ed in grado di fare la differenza; uno su tutti, la guardia inglese Manning, seguito dall’ala Iannicelli, cestista mortifero dall’arco, l’esperto Dario Valentino e diversi giovani interessanti, come Barrella, Romanelli e Salerno.

Un roster, dunque, importante e che Domenica verrà al PalaGalvani per provare a dare una scossa al proprio avvio di stagione ed iniziare a scalare la classifica.

Christian Montella.

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

Colpo in trasferta per l’Angri Pallacanestro: battuta Isernia 77-90

Il Globo Basket Isernia – Angri Pallacanestro: 77-90 (21-27; 20-24; 15-15; 21-24)

Si sblocca anche in trasferta l’Angri Pallacanestro. Al PalaVezzieri di Campobasso, i ragazzi di coach Costagliola battono il Basket Isernia con il risultato di 77-90 ed ottengono la prima vittoria in campionato lontano dal PalaGalvani. Chiavazzo e compagni giocano la partita perfetta, non lasciando mai l’iniziativa in mano al team molisano e, al contempo, macinando costantemente gioco e punti. Prestazione corale di alto livello quella messa in campo dai condors che conquistano la 3ª vittoria consecutiva.

I quintetti:

Basket Isernia: Vozza; Lebo; Triggiani; Fallou; Tonchev.

Angri Pallacanestro: Seskus; Melillo; Chiavazzo; Sprude; Anaekwe.

La partita:

Quattro punti in rapida successione di Anaekwe, le percussioni ed i canestri dal perimetro di Seskus e la solidità in pitturato di Sprude lanciano subito avanti gli ospiti per 5-12. La risposta molisana è nelle mani di Lebo e Khaha (9-13 al 5’). Dopo un inizio arrembante, i quintetti abbassano i ritmi, ma nonostante ciò i doriani trovano con costanza la via del canestro e riesce a portarsi, grazie ai canestri di Chiavazzo, sul +9. Entrano a referto, per i padroni di casa, anche Orefice e Vozza,tuttavia sono Anaekwe e Melillo a chiudere 21-27 la prima frazione di gioco.

L’equilibrio la fa da padrone nella prima metà del secondo quarto, con botta e da una parte e dall’altra che mantengono il vantaggio doriano di un solo possesso (37-39 al 5’). Cirillo e Chiavazzo tentano un break (38-44 al 17’), ma Tonchev prova a far restare i suoi aggrappati al punteggio ed alla partita (41-44). Risalgono in cattedra Seskus ed Anaekwe che, grazie alla solidità difensiva del quintetto doriano, segnano un break di 0-6 che chiude il primo tempo con il risultato di 41-51.

Terzo quarto di sostanziale equilibrio tra i due quintetti che si rispondono colpo su colpo. Nessuno prova l’allungo decisivo ed entrambe le squadre si studiano. Ne viene fuori un quarto equilibrato ma combattuto e che giova al team doriano che, alla terza sirena, è avanti 56-66.

Ultimo quarto di gestione per i ragazzi di coach Costagliola. Orefice e soci provano a ritornare in carreggiata ma devono fare i conti con il muro doriano, capace di arginare le offensive di casa e di ripartire e colpire in contropiede. Isernia non riesce a recuperare il passivo maturato precedentemente, grazie soprattutto alla solidità mentale dei condors che, anche nei momenti più concitati, si compattano e riescono a non perdere la concentrazione. Alla sirena finale il risultato premia l’Angri Pallacanestro, vittoriosa per 77-90.

Ancora una volta entusiasta il coach doriano, Massimo Costagliola:

“E’ una vittoria molto importante maturata contro una squadra costruita con l’obiettivo di vincere il campionato. I ragazzi sono stati bravi ad interpretare la gara. Sapevamo di giocare contro una squadra di grande energia e forza fisica capace di produrre tanti punti in attacco ma di alternare a momenti di grande euforia altri periodi di down mentale. Siamo stati bravi a limitare i primi e capitalizzare al meglio i break a favore nei secondi. La squadra sta bene fisicamente, sta crescendo esponenzialmente dal punto di vista tattico e sono palpabili  alcuni miglioramenti tecnici individuali. Al riguardo voglio ringraziare e dare merito allo staff tecnico che con passione, competenza e grande sacrificio personale lavora quotidianamente con una qualità e quantità di tempo dedicata di categoria superiore.”

I tabellini:

Basket Isernia: Lebo 17; Orefice 17; Triggiani 14; Assui 11; Tonchev 8; Kahka 7; Vozza 2.

Angri Pallacanestro: Seskus 29; Anaekwe 20; Sprude 17; Melillo 11; Chiavazzo 6; Cirillo 5; Lo Piccolo 2.

Angri va a caccia del blitz esterno contro Isernia.

a quarta giornata del campionato di Serie C Gold coincide con la prima trasferta extra-regionale dell’Angri Pallacanestro che, Domenica 27 Ottobre, alle ore 18:00, affronterà Il Globo Basket Isernia al PalaVezzieri di Campobasso.

Sarà una sfida tra due squadre ambiziose e che in questo avvio di stagione hanno già palesato propositi di alta classifica ed ambizioni importanti, in linea con gli sforzi fatti e gli organici di entrambi i club. Proprio per questi motivi, dunque, ci aspetta un match equilibrato e con ha tanti spunti di osservazione per entrambi i tecnici.

Il fattore emotivo e le motivazioni giocheranno un ruolo basilare in questa delicata sfida, nella quale non vanno però omessi gli aspetti tecnici e fisici dei rispettivi roster, che, a meno di defezioni dell’ultim’ora, dovrebbero affrontarsi al gran completo. Particolarmente temuti sono la guardia Lebo (19.5 punti :8 media) e l’ala piccola Kahka(10 punti di media), così come il compagno di reparto Rotislav (8.5 punti di media), ai quali vanno aggiunti atleti del calibro dell’ala piccola Martini, della

guardia Triggiani, del playmaker Orefice, della guardia Chessa, del vetarano Guarino e dei lunghi Sophony e Ndiaye. Insomma, un organico di tutto rispetto e che si candida ad essere la forza numero 1 del campionato.

Si prospetta dunque un impegno ostico per i ragazzi di coach Costagliola che però, rinvigoriti dalle 2 vittorie consecutive, tenteranno di portare a casa la terza vittoria consecutiva e la prima in trasferta.

È dello stesso avviso anche il coach dei doriani, Massimo Costagliola:

Faremo visita ad una delle squadre partite con il dichiarato obiettivo di voler vincere il campionato. Isernia è una squadra che ha fatto un mercato importante, si è coperta in ogni ruolo, prendendo giocatori con taglia fisica notevole sotto canestro e con esperienza per la categoria sul perimetro. I due stranieri, Lebo e Tonchev, che occupano gli spot di ala hanno qualità tecniche e conoscenza del gioco superiori alla media, anche gli under che entrano nella rotazione sono interessanti ed hanno possibilità di incidere. Amano giocare a ritmi alti, allungare spesso la pressione difensiva e dare vita ad un sistema molto energico fatto di rotazioni continue.Noi abbiamo lavorato bene durante la settimana, con l’obiettivo di consolidare le certezze nate dalla prestazione contro Salerno e migliorare qualche disattenzione che comunque c’è stata.La squadra è in fiducia, tutti sono pronti a dare il loro contributo, se giochiamo con attenzione ed uguale determinazione possiamo pensare di lottare sino alla fine e conquistare la posta in palio.”

Seconda vittoria consecutiva per l’Angri Pallacanestro: Salerno cede 86-65

Angri Pallacanestro – Pallacanestro Salerno 86-65 (26-19; 24-14; 17-18; 19-14)

La seconda partita casalinga stagionale dell’Angri Pallacanestro  coincide con la seconda vittoria consecutiva in campionato; dopo Cercola, anche Salerno deve rispettare la legge del PalaGalvani e soccombere con il risultato di 86-65. Match senza storia quello andato in scena al Palazzetto doriano, con i condors che con caparbietà, unione ed intensità indirizzano fin da subito la partita sui binari giusti e regolano senza troppi patemi la compagine salernitana. Chiavazzo e compagni disputano un’ottima partita, giocata ad un ritmo elevato e lavorando di squadra sia in fase difensiva che in fase offensiva, con 4 uomini che hanno chiuso il match in doppia cifra.

I quintetti:

Angri Pallacanestro: Seskus; Melillo; Chiavazzo; Sprude; Anaekwe.

Pallacanestro Salerno: Egas; De Martino; Salvatore; Filippi; Sammartino.

La partita:

L’avvio del match è equilibrato. Angri e Salerno iniziano la partita giocando con intensità e ritmo, lottando su ogni pallone e trovando la via del canestro con continuità. I padroni di casa trovano con Sprude, Melillo e Chiavazzo i primi punti del match, Salerno risponde con capitan Sammartino, De Martino e Filippi, con la contesa che dopo i primi 4’ di gioco dice 11-11. I doriani iniziano a carburare, ad alzare il ritmo del match ed a trovare punti importanti da tutti i cestisti che si alternano sul parquet che riescono anche a serrare le fila difensive ed a non far più trovare la via del canestro agli ospiti. La forbice inizia ad allargarsi e, nel finale di quarto, Seskus e Melillo segnano il 26-19 con cui si chiudono i primi 10’ di gioco.

Un buon impatto di Anaekwe (14 punti nel solo secondo quarto per lui) quarto permette ai padroni di casa di tenere a debita distanza Salerno che prova vanamente a ricucire lo strappo (41-22 al 15’). Si iscrivono a referto anche Cirillo e Lo Piccolo che entrano in campo con la giusta carica e confermano di avere doti e qualità importanti. I giovani condors alzano continuamente il ritmo del match, non permettendo agli ospiti di avvicinarsi nonostante i canestri di Egas e Filippi che però non sortiscono l’effetto sperato e che di fatto non mutano l’andamento della gara, saldamente nelle mani della compagine doriana che guadagna gli spogliatoi all’intervallo, in vantaggio 50-33.

La ripresa inizia all’insegna di Sprude e Seskus: mentre l’intero collettivo grigio rosso continua a difendere con intensità, recuperando anche falli in attacco, i due stranieri, coadiuvati da Chiavazzo, fanno la voce grossa, mettono a referto un break di 8-0 e fanno segnare il 58-33. Filippi prova a fermare l’emorragia ma non basta ad assottigliare l’enorme distacco che c’è tra i due quintetti, che si mantiene sulla doppia cifra per quasi tutta la durata del quarto. Il buzzer – beater di De Martino chiude la terza frazione sul punteggio di 67-51.

L’ultimo quarto non contiene particolari sussulti. Angri gestisce il vantaggio e non concede alcuno spazio di ripresa al quintetto ospite che non può fare altro che attendere la sirena finale. Negli ultimi momenti di gara, Costagliola manda in campo i giovani condors, un quintetto formato da tutti “millennials” che non sfigura, facendo segnare anche i primi punti in campionato ad Amodio e Di Capua. Alla sirena finale, il PalaGalvani festeggia la vittoria arrivata con il risultato di 86-65.

Le dichiarazioni:

Soddisfatto, al termine del match, il coach doriano Massimo Costagliola:

“La squadra merita i complimenti per la gara disputata, i ragazzi sono stati bravi a rispettare le consegne eseguendo con grande attenzione ed uguale energia il piano partita difensivo ed offensivo. Siamo riusciti a spegnere le loro fonti di gioco così come a sfruttare i nostri vantaggi in attacco selezionando sempre la migliore opzione da cui andare. L’equilibrio avuto nella distribuzione di tiri e punti è segnale importante di una squadra che legge il gioco in base al vantaggio creatosi in campo e non all’egoismo di turno. Abbiamo fatto un passo avanti anche nella gestione del ritmo non accelerando più una volta acquisito un vantaggio consistente ma lasciando alla squadra avversaria l’onere di “provocare” una rottura del nostro equilibrio che non c’è stata. Abbiamo ancora ampi margini di miglioramento collettivo ed individuale che se proseguiamo con questo atteggiamento sicuramente arriveranno con il tempo. Domenica ci aspetta una difficile trasferta ad Isernia, società che non ha badato a spese costruendo una squadra con il dichiarato obiettivo di vincere il campionato, per noi sarà un ulteriore occasione di crescita in una partita da affrontare senza pressione ma con grande senso di sfida e coraggio.“

I tabellini:

Angri Pallacanestro: Sprude 18; Anaekwe 16; Melillo 16; Seskus 14; Chiavazzo 6; Cirillo 4; Lo Piccolo 4; Mwananzita 4; Amodio 2; Di Capua 2.Coach: Costagliola.

Pallacanestro Salerno: Filippi 20; Kochev 12; Sammartino 12; De Martino P. 7; De Martino A. 6; Egas 4; Salvatore 4. Coach: Menduto.

Christian Montella.

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

Terza giornata di campionato, al PalaGalvani arriva Salerno

L’ Angri Pallacanestro è ancora di scena al PalaGalvani di Angri dove domani, ore 18:00, ospiterà la Pallacanestro Salerno nel derby tra due team di vertice del campionato. Il match verrà diretto dal 1^ arbitro, il sig. Argenio Simone di Mercogliano (AV) e la sig.ra Melchionda Chiara di Avellino.

Dopo la bella vittoria di Domenica scorsa, ottenuta al termine di un match condotto fin dalla palla a due, l’Angri Pallacanestro ha avuto modo di preparasi con più serenità al secondo match interno consecutivo del campionato che i ragazzi di coach Costagliola vorranno sicuramente portare a casa. I condors sono riusciti brillantemente a buttarsi subito alle spalle il k.o. contro il Forio e hanno affrontato l’impegno casalingo contro Cercola, per nulla semplice, spinta dal sostegno del PalaGalvani che ha dato la spinta in più ai padroni di casa ed è per questo che Chiavazzo e soci sperano di poter contare ancora una volta sul proprio pubblico per portare a casa la seconda vittoria consecutiva.

L’impegno, però, non è per nulla agevole. La formazione salernitana è composta da un mix di cestisti giovani e navigati che, alla vigilia faceva ben sperare gli appassionati della palla a spicchi del capoluogo provinciale. Tuttavia, dopo i primi 80’ del campionato, i ragazzi di coach Menduto sono ancora a secco di vittorie e dunque è facile immaginare che verranno al PalaGalvani per giocarsi le proprie carte e rompere il ghiaccio in stagione mettendo i primi due punti in classifica. Bisognerà prestare particolare attenzione al capitano dei salernitani, Bruno Sammartino, il quale in questo inizio di campionato è parso davvero in palla con 17.5 punti di media e prestazioni convincenti. Occhio anche al duo FilippiDe Martino, due cestisti esperti di queste categorie e che possono essere letali in ogni zona del campo, alla guardia Salvatore che già da diversi anni milita tra le fila del roster salernitano ed infine al play Egas, un cestista talentuoso e che possiede un elevato QI cestistico.

Ecco le dichiarazioni dell’assistant-coach doriano, Francesco Iannone:

“Quando la Pallacanestro Salerno è stata costruita, l’obiettivo era ben chiaro: quello di lottare al vertice della classifica e puntare ai play-off. Tuttavia, le prima due partite disputate dal roster salernitano hanno dimostrato tutt’altra cosa, con i salernitani che hanno collezionato due sconfitte. Dunque, è normale attendersi un cambio di marcia da parte loro che vorranno sicuramente perdere ancora e vorranno farlo in quello che si prospetta essere un vero e proprio scontro diretto, oltre che ad essere un match sentito da tutti. Troveremo una squadra molto talentuosa e che vede nel play-maker Egas il proprio punto di forza, un giocatore molto bravo a prendere vantaggio in penetrazione ed a trovare sempre passaggi coi tempi giusti. Abbiamo poi la guardia Pasquale De Martino, cestista che può far male da ovunque ed Aldo Filippi, un ala forte di peso che saprà dare la giusta carica e la giusta esperienza per sbloccare la classifica. Completa il quintetto Sammartino e Kochev, bulgaro che non ha ancora esordito ma di cui abbiamo ottime referenze. Dal canto nostro, vogliamo vincere e continuare sulla scia della vittoria con Cercola. Affrontiamo un match difficile contro una squadra strutturata, però per noi questa sarà una prova e sono certo che i nostri ragazzi faranno di tutto per superarla a pieni voti e regalare l’ennesima gioia al pubblico doriano e rendere ancor di più un fortino il nostro PalaGalvani: tutti devono sapere che qui in casa nostra venderemo ancor di più cara la pelle.”

Christian Montella

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

 

Angri batte Cercola e conquista la prima vittoria in campionato

Angri Pallacanestro – Pallacanestro Cercola: 93-83
Prima vittoria stagionale per l’Angri Pallacanestro che fa valere la legge del PalaGalvani e batte, nel primo match interno del campionato, la Pallacanestro Cercola con il risultato di 93-83. Il secondo turno del campionato di Serie C Gold regala così i primi due punti stagionali alla compagine doriana, che ha fatto dimenticare lo sfortunato esordio con una prestazione non altisonante ma che è valsa ugualmente la vittoria; non è stato semplice, infatti, piegare la resistenza di una formazione, quella napoletana, che in campo ha dato il massimo, restando in partita fino alla fine anche quando sembrava spacciata, riuscendo in più occasioni a far tremare il pubblico del PalaGalvani. Greco e compagni hanno tenuto duro, sono riusciti a recuperare anche un passivo importante ma alla fine hanno dovuto cedere il passo alla voglia di riscatto dei padroni di casa, che non hanno mollato e sono riusciti a far propri i due punti in palio.


I quintetti
:
Angri Pallacanestro: Seskus; Melillo; Chiavazzo; Sprude; Anaekwe.
Pallacanestro Cercola: Bauduin; Greco; Molinari; Cortese; Fiscale.

La partita:
Il match si apre a rilento. Angri trova punti e canestri importanti dalle mani di Melillo e Cirillo, mentre Sprude ed Anaekwe dominano il pitturato. I viaggianti provano a tenere il passo grazie ai canestri del duo Molinari – Greco ma la determinazione dei locali è tale e tanta che i napoletani si ritrovano subito ad inseguire, facendo fatica, ma riuscendo lentamente a ricucire lo strappo, grazie alla verve anche di Verde e Bauduin che riescono a riportare la partita sul giusto binario (18-16 all’8’I padroni di casa impiegano un po’ di tempo, ma poi riescono a prendere le giuste contromisure agli ospiti ed a trovare costanza offensiva e solidità difensiva, cosa che permette a Chiavazzo e compagni di segnare un break di 10-0 e di chiudere il primo quarto avanti con il risultato di 26-16.
Il secondo quarto si apre sulla falsariga del primo, con i doriani che grazie ai canestri di Chiavazzo ed Anaekwe raggiungono anche il +16 (34-18). Cercola prova a rientrare in partita con intensità e ritmi elevati, trovando punti importanti anche dalle mani di Cortese, oltre che dei soliti Bauduin, Molinari e Greco, abili nello sfruttare le disattenzioni della difesa dei padroni di casa. Dalla panchina è Lo Piccolo a dare ossigeno ai suoi ed a riportare i viaggianti a distanza di sicurezza grazie a 6 punti consecutivi ed in rapida successione. I canestri finali di Lupo e Molinari chiudono il primo tempo con il risultato di 49-38.

Greco e Molinari, coadiuvati da De Rosa, Cortese e Bauduin, iniziano con il piede giusto la ripresa delle ostilità in entrambe le fasi di gioco e riescono a tornare sotto la doppia cifra di svantaggio(60-53). I padroni di casa non continuano a macinare gioco e punti come nei primi 20’ di gioco, ma al contrario sembrano contratti e commettono errori sia in attacco che in difesa. Cercola ne trae vantaggio e prova a tornare in partita alzando il ritmo della contesa e trova punti importanti che fanno assottigliare sempre di più lo scarto tra i due quintetti (63-58). Nel finale di quarto però i ragazzi di coach Costagliola hanno una reazione d’orgoglio e grazie ai canestri di Chiavazzo, Melillo e Anaekwe tornano sul +10 a quota 68-58. Nell’ultimo minuto di gioco, Cercola trova 5 punti grazie al canestro di Lupo ed al buzzer-beater di Bauduin che fissa il punteggio sul 68-63.
L’ultimo parte col botto, con le due squadre che si danno battaglia e lottano su ogni pallone. Angri va a segno con Chiavazzo, Sprude ed Anaekwe, mentre Cercola risponde con Cortese, Lupo e Bauduin d il punteggio recita 78-74. I doriani provano a scappare e con la coppia lituana Seskus – Sprude vanno sull’82-76, ma i napoletani non ci stanno e grazie agli attacchi di Molinari si portano ad una sola lunghezza di distanza dai condors quando mancano poco più di 2’ da giocare (82-81). Ed è proprio nel momento di maggior bisogno che salgono in cattedra gli uomini di esperienza del roster di coach Costagliola; Chiavazzo e Melillo si caricano la squadra sulle spalle e, sospinti da un PalaGalvani in fermento, segnano un break di 7-0, grazie anche alla regia ed al canestro di Seskus, e portano i condors sull’89-81. Cortese segna l’ennesimo canestro della sua gara, ma il 2/2 di Cirillo chiude definitivamente i giochi e sanciscono la prima vittoria stagionale arrivata per 93-83.

I tabellini:

Angri Pallacanestro: Melillo 21; Anaekwe 16; Chiavazzo 15; Sprude 12; Cirillo 10; Lo Piccolo 7; Seskus 7; Amodio 3; Mwana Nzita 2.

Pallacanestro Cercola: Greco 18; Molinari 18; Cortese 16; Bauduin 14; Lupo 6; Verde 4; De Rosa 2.

 

L’avversario: Pallacanestro Cercola

Dopo la promozione in C Gold, l’ultima stagione di Cercola è stata caratterizzata dal coinvolgimento nella dura lotta per l’accesso ai playoff culminata con il raggiungimento della settima posizione in classifica che è valsa ai napoletani l’accesso ai quarti di finale play-off. Tuttavia, Balestrieri e compagni hanno dovuto cedere il passo al New Basket Agropoli, capace di imporsi per 2-0 nella serie.
Il leitmotiv per quanto riguarda questa annata sembra lo stesso, con Cercola che non stecca all’esordio e batte la Pallacanestro San Michele Maddaloni, candidandosi seriamente ad essere un outsider del torneo.
La punta di diamante della squadra è quel Pasquale Greco di ritorno nella città dove si espresse al meglio qualche anno fa, quando l’Angri Pallacanestro, alle prime esperienze in Serie C, decise di puntare su di lui affidandogli la cabina di regia. Greco ha già fatto vedere ottime cose all’esordio in campionato, mettendo a referto 27 punti Attualmente miglior cannoniere del roster napoletano, dalle sue mani passa gran parte della pericolosità offensiva della Pallacanestro Cercola.
A fargli da spalla fra gli esterni titolari c’è una coppia giovani e vibrante come quella composta dall’ex Napoli e Palestrina Dario Molinari e dal giovane Eugenio Cortese: entrambi hanno dimostrato di essere un duo ben assortito e di poter far male da ogni zona del campo. Nella prima giornata di campionato hanno trovato spazio importante i due giovani Fiore e Lupo, autori di una prova importante condita, rispettivamente, da 10 ed 11 punti. I due giovani talenti hanno dimostrato di essere alternative importanti a disposizione del roster partenopeo.
Cercola è dunque una squadra forte, ben assortita ed ha a disposizione più soluzioni per poter colpire l’avversario. Si prospetta, dunque, un match vibrante e combattuto, con le due squadre che, per motivi ed ambizioni diverse, venderanno cara la pelle.