Angri Pallacanestro da capogiro; battuta Caserta al fotofinish

Angri Pallacanestro- New Caserta Basket:78-75 (18-20; 13-17; 20-21; 27-17)

Torna al successo l’Angri Pallacanestro. Al PalaGalvani di Angri, i ragazzi di coach Costagliola battono il New Caserta Basket con il risultato di 78-75. Dopo aver rincorso per tutti i primi 30’ di gioco, i padroni di casa, ancora senza Seskus, Sprude e Anaekwe, si ricompattano e con spirito di squadra e tanto cuore, trascinati dal duo Chiavazzo-Melillo, portano a casa un successo importante sia per il morale che per la classifica.

La partita:

Il match si dimostra fin dalla palla a due equilibrato. Ai canestri di Melillo e Markus in avvio di partita, rispondono Lucci ed Puoti (5-6). Le due squadre battagliano a viso aperto su ogni pallone e ad ogni canestro c’è subito la risposta degli avversari. In chiusura di quarto però i padroni di casa provano a smuovere questa situazione e segnano un break di 7-2 che vale il 18-13 al 9’. L’ultimo minuto però è a totale appannaggio degli ospiti che rispondono con un contro-parziale di 0-7 che, al 10’, vale il 18-20.

Il secondo quarto continua sulla falsariga del primo. Le due compagini continuano a combattere in ogni azione del match e danno vita ad un altro quarto vibrante e combattuto (24-24 al 15’). Nella seconda parte di parziale gli ospiti trovano maggiore precisione a canestro rispetto ai locali e, grazie alle triple di Puoti, chiudono il primo tempo in vantaggio per 31-37.

Il secondo tempo si apre con il canestro di Dodaro che vale il 31-39. I doriani però non ci stanno, non si disuniscono e segnano un break di 9-0 che vale il 40-39. Caserta si dimostra squadra tenace e caparbia e risponde con un contro break di 0-7 che li riporta avanti per 40-46. I condors sembrano accusare il colpo e gli ospiti ne approfittano per continuare a colpire le disattenzioni della difesa dei padroni di casa; Dodaro e Diaz segnano addirittura il 43-54 che vale il +11 al 26’. I padroni di casa provano a rimanere attaccati nel punteggio e si affidano a Chiavazzo e Melillo i quali, in chiusura di parziale, si caricano la squadra sulle spalle e portano il risultato sul 51-58 al 30’.

L’ultimo, decisivo, quarto, viene battezzato da un canestro di Noah ed una tripla di Melillo, a cui rispondono subito Tomic e Diaz (56-62). Il 2/2 dalla lunetta di Puoti e la tripla di Lucci riportano i condors sul -11 e sembrano dare la spallata decisiva al match. Ma i padroni di casa non ne vogliono sapere di uscire sconfitti dal PalaGalvani e con unione, cuore e spirito di squadra, provano a rimettere in discussione il risultato finale. I doriani mettono in campo una difesa forte ed energica a cui fanno corrispondere un attacco cinico e determinato; Chiavazzo, Markus e MwanaNzita segnano un break di 13-2 che vale, al 38’, il 69-69. Tomic e Lucci provano a scuotere gli ospiti e segnano il 69-73, ma i doriani ne hanno di più e non si lasciano intimorire. Il 2/2 di Chiavazzo e l’1/2 di Melillo dalla linea di carità valgono il 72-73. È ancora capitan Lucci, al 39’, a segnare un canestro importante che vale il 72-75. Quando tutto sembrava perduto, nell’ultimo minuto sale in cattedra Marco Melillo; la guardia campana segna infatti prima la tripla del pareggio a quota 75 e poi, dopo l’errore dal lato opposto di Tomic, porta a termine un’azione personale e segna la tripla che vale il 78-75, manda il visibilio il popolo doriano e sancisce il definitivo sorpasso grigio rosso. Caserta avrebbe due secondi per imbastire un ultimo tiro che però non trova la via del canestro; la sirena finale certifica la vittoria dei condors arrivata per 78-75

Le dichiarazioni:

Al termine del match, ecco le dichiarazioni di coach Costagliola:

“Questa squadra ha un grande cuore ed oggi è stata l’ennesima occasione in cui l’ha dimostrato. Sotto di 11 a sei minuti dalla fine, senza tre pedine fondamentali, con la fatica evidente e con lo spauracchio della quarta sconfitta consecutiva era più facile mollare che resistere, invece abbiamo avuto la forza di reagire ed andarci a prendere questa vittoria con le unghia e con i denti.Non sono solito parlare dei singoli ma oggi penso sia dovuta una menzione speciale per Francesco Chiavazzo e Marco Melillo. Sono stati i primi giocatori da cui siamo partiti nella costruzione di questa squadra ed oggi hanno giustificato pienamente il perché di questa scelta. In una situazione di estrema difficoltà hanno messo in campo senso di responsabilità, spirito di sacrificio, voglia di vincere, coraggio, valori caratteriali profondi che noi riteniamo basilari all’interno di una squadra. Sono stati fondamentali nel dare la direzione ai compagni più giovani e nel divenire la loro guida in campo. Bravi gli altri ad affidarsi, seguire la loro scia e portare ognuno il proprio contributo alla causa. Cosi siamo riusciti a ritrovare un equilibrio e ricreare un’alchimia vincente.  E’ una vittoria che vale doppio e ci permette di “respirare” in un momento molto critico per la nostra stagione. Domenica speriamo di recuperare qualcuno degli infortunati e di fare un altro piccolo passo in avanti nella temibile trasferta di Maddaloni.”

L’Angri Pallacanestro non supera l’ostacolo Basket Bellizzi.

Basket Bellizzi-Angri Pallacanestro: 68-56 (18-17; 23-9; 13-20; 14-10)

Non sorride all’Angri Pallacanestro la sedicesima giornata di Serie C Gold: al PalaBerlinguer di Bellizzi, gli uomini di coach Costagliola incappano nella 3ª sconfitta consecutiva, questa volta per mano del Basket Bellizzi capace di imporsi 68-56. Complici l’assenza di Sprude e Seskus ed il forfait causa infortunio a gara in corso di Anaekwe, i condors non riescono a replicare la vittoria dell’andata nonostante ci provino fino alla fine, giocando una partita con tanto cuore e tanto animo.

La partita:

Il match viene battezzato da Markus. Bellizzi però approccia meglio e fa valere fin dal primo istante la propria arma migliore, il tiro dall’arco; grazie alle triple di Beatrice, Iannicelli e Di Mauro, assieme al canestro di Manning, i padroni di casa volano sull’ 11-2 al 6’. Anaekwe prova a scuotere i suoi, ma la tripla di Zollo porta Bellizzi sul +10 (16-6). A questo punto i doriani si compattano, serrano le linee difensive e trovano cinismo in attacco; i canestri di Cirillo, Melillo ed Izzo segnano un break di 2-11 che riduce lo svantaggio e al 10’ fa segnare al tabellone luminoso del PalaBerlinguer il 18-17. Nel mentre però, arriva l’infortunio di Anaekwe, con il centro angrese che non rientrerà più in campo e priverà il roster grigio rosso di un’importante risorsa sotto le plance.

L’inizio del secondo parziale è equilibrato, con le due compagini che si rispondono ad ogni azione (22-24 al 16’). A metà quarto però i ragazzi di coach SanFilippo alzano il ritmo della contesa ed ad una difesa pressoché granitica, capace di far segnare 2 soli punti in tutto il resto del quarto ai doriani, fanno combaciare un’elevata precisione al tiro sia dalla lunga che dalla media distanza, con i condors che non riescono a trovare le giuste contromisure all’offensiva gialloblù. I canestri di capitan Di Mauro e Iannicelli portano i padroni di casa, all’intervallo, a condurre con il risultato di 41-26

Il secondo tempo si apre con una reazione veemente da parte di Chiavazzo e soci che si ricompattano e provano a rimpinguare i 15 punti di svantaggio dai padroni di casa. Melillo e Markus, aiutati dalle percussioni di Lo Piccolo ed Izzo, provano la difficile risalita (51-44). Bellizzi si dimostra però squadra esperta e non si disunisce, trovando punti importanti da Zollo e Manning che, al 30’, valgono il 54-46.

L’ultimo quarto ha poco da raccontare. I condors provano fino all’ultimo a rimettersi sulla scia dei  padroni di casa che, al contrario, riescono a gestire con calma il vantaggio accumulato nei tre quarti precedenti. Alla sirena finale, il punteggio dice 68-56.

Le dichiarazioni:

Ecco l’analisi di coach Costagliola:

“È veramente difficile riuscire a commentare il momento che stiamo attraversando mantenendo raziocinio ed equilibrio. L’imbarazzo si trova nel voler analizzare la gara in maniera oggettiva guardando alle cose dove siamo stati lacunosi senza cadere nelle attenuanti evidenti delle assenze che stanno condizionando il nostro intero impianto tecnico tattico. Per vincere dovevamo superarci e dare tutti qualcosa in più sotto ogni profilo in termini di attenzione difensiva, precisione offensiva e presenza emotiva. Così non è stato e con merito hanno vinto gli avversari. È un momento in cui bisogna resistere, recuperare uno alla volta gli infortunati, fare fronte comune e ritornare a fare un passo in avanti alla volta a partire dalla prossima partita interna contro New Basket Caserta.”

I tabellini:

Basket Bellizzi: Granata, Sarno, Beatrice 5, Zollo 11, Chakir 10, Coppa, Manning 9, Iannicelli 17, Barrella, Di Mauro 16, Esposito, Romanelli. Coach: Antonino Sanfilippo.

Angri Pallacanestro: Melillo 15, Chiavazzo 11, Markus 7, Cirillo 6, Lo Piccolo 5, Mwana Nzita 5, Izzo 4, Anaekwe 3, Cascone, Palladino, Sprude, Coppola. Coach: Massimo Costagliola.

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

Seconda sconfitta consecutiva: al PalaGalvani passa Isernia.

Angri Pallacanestro-Basket Isernia: 73-76 (21-21; 19-15; 13-18; 20-22)

Seconda sconfitta consecutiva per l’Angri Pallacanestro. Al PalaGalvani, i condors incappano nella quarta sconfitta stagionale non riuscendo a superare il Basket Isernia, capace di imporsi 73-76. Match vibrante e combattuto quello andato in scena sul parquet doriano, con i due quintetti che si sono dati battaglia per tutti i 40’ di gioco e con i doriani che, complici le pesanti assenze di Seskus, Sprude e Chiavazzo e l’espulsione nel corso del match di Melillo, hanno provato con spirito di squadra e unità d’intenti ad avere la meglio degli ospiti.
Alla fine però a spuntarla è stato il roster molisano che viola il PalaGalvani e porta a casa una vittoria importante in chiave salvezza.
Prossimo match in programma Domenica 16 Febbraio, al PalaBerlinguer di Bellizzi, alle ore 18:00, contro il Basket Bellizzi.

La partita:

Il match viene battezzato da un break di 6-0 dei padroni di casa grazie ai canestri di Markus e Lo Piccolo. Isernia si affida a Petronella che si carica la squadra sule spalle e prova a farla rimanere attaccata al punteggio ma i doriani, coi Cirillo e Melillo, provano a prendere il largo e portano i condors sul 12-4. Ci provano allora il solito Petronella e Assui, con l’aiuto di capitan Orefice, a ribaltare il risultato e, in poco tempo, riportano gli ospiti in partita (19-17 all’ 8’). Cirillo segna il 21-17, ma gli ultimi punti  del primo periodo sono però di marca molisana che, grazie al 2/2 ai liberi sia di Petronella che di Abrescia, trova il pari a quota 21 al 10′.

Il secondo quarto procede sulla falsariga del primo, con i due quintetti che combattono e danno vita ad match equilibrato. Angri trova punti importanti da MwanaNzita, Cirillo e Lo Piccolo, mentre Isernia è brava a non disunirsi ed a colpire con cinismo la difesa grigio rossa (27-28 al 15′). Nella seconda metà di quarto sale in cattedra Markus che, all’esordio tra le mura amiche del PalaGalvani, si carica la squadra sulle spalle e diventa il principale catalizzatore del gioco offensivo doriano. E’ proprio un suo personale break di 6-0 che, in chiusura di primo tempo, porta i doriani avanti per 40-36.

La terza frazione si apre in scia con la precedente, con Markus e Lo Piccolo che segnano il 44-36 per i condors. Isernia però non ci sta e, grazie ai soliti Petronella, Orefice e l’importante apporto di Charalampis rimane attaccata ai padroni di casa (44-41). A questo punto però, arriva l’azione che cambia l’inerzia e la storia del match. Gli arbitri, infatti, decidono di chiamare, in poco più di 3′ di gioco, un doppio tecnico a Marco Melillo, autore sin lì di un match importante. La decisione, ovviamente, ha portato all’allontanamento dal campo del numero 10 grigiorosso ed ha costretto coach Costagliola a fare a meno di un altro giocatore chiave del roster. A questo punto i condors fanno di necessità virtù, stringono i denti e con spirito di sacrificio non mollano e provano fino alla fine a regalare a se stessi ed a tutto il pubblico del PalaGalvani un successo importante. Il terzo quarto si chiude però nel segno di Charalampis che si carica la squadra sulle spalle e la riporta in vantaggio al 30′ con il risultato di 53-54.

L’ultima frazione è decisiva e lee due squadre si danno subito battaglia; Angri trova punti importanti grazie a Izzo e Lo Piccolo, mentre per Isernia sono Orefice e Manisi a suonare la carica con tre triple consecutive (63-63 al 35′). Il tiro pesante si rivela arma fondamentale per i viaggianti che trovano altre due triple consecutivi con Petronella e Birra (63-69 al 37′). Il quintetto di casa prova fino alla fine a non perdere terreno rispetto agli ospiti e con il 2/2 di Izzo ed i 5 punti segnati in rapida successione da Markus risponde alla sesta tripla consecutiva degli ospiti (questa volta firmata da Charalampis) e porta il punteggio sul 70-72 quando manca meno di un minuto al termine del match. I ragazzi di coach Costagliola fanno ricorso al fallo sistematico per provare a recuperare secondi preziosi ma Birra e Charalampis sono glaciali dalla linea della carità e, di fatto, chiudono anzitempo la contesa. I canestri finali di Lo Piccolo ed Anaekwe sanciscono la fine del match, vinto da Isernia per 73-76.

Le dichiarazioni:

Al termine del match, coach Costagliola ha dichiarato:

“Complimenti ai miei ragazzi che in una situazione di difficoltà estrema hanno dato una dimostrazione di grande compattezza e forza d’animo. È arrivata una sconfitta ma la prestazione ci deve dare ancora maggiore consapevolezza della nostra forza e convinzione riguardo le nostre possibilità in questo campionato. Uguali complimenti vanno fatti agli avversari, hanno giocato un’ottima gara dimostrando di esser squadra in forma, ben allenata con qualità fisiche e tecniche di assoluto rilievo.
Peccato che una partita di questo livello, di tale equilibrio sia stata influenzata da alcune decisioni arbitrali che han lasciato tutti perplessi. L’allontanamento di Melillo ha cambiato l’inerzia della gara quando era a nostro favore ed ha condizionato pesantemente il decorso successivo. E’ un dato di fatto difficile da obiettare e su cui qualcuno dovrà dare spiegazioni”.

I tabellini:

Angri Pallacanestro: Lo Piccolo A. 22, Markus N. 19, Melillo M. 10, Izzo A. 9, Cirillo P. 8, Anaekwe O. 3, Mwana Nzita N. 2, Cascone G., Palladino L. ne, Chiavazzo F. ne, Coppola C. ne, Di Capua D. ne.

Isernia Basket: Orefice S. 19, Petronella G. 18, Charalampis N. 11, Manisi M. 8, Assui K. 7, Abrescia P. 6, Birra A. 5, Bianchi A. 2, Venga M., Martini E., Ndubuisi T.

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

 

Si torna al PalaGalvani! L’Angri Pallacanestro ospita Isernia

Nel quindicesimo turno del campionato di Serie C Gold, l’Angri Pallacanestro affronterà, tra le mura amiche del PalaGalvani, il Basket Club Isernia. Palla a due ore 18:00. Arbitreranno il match il 1º arbitro, sig. Mauro Sacco di Salerno ed il secondo arbitro Luca Mogavero di Bellizzi (SA).

La sconfitta del turno precedente contro Salerno ha interrotto la striscia di vittorie consecutive che andava avanti da ben quattro giornate. Tuttavia, il gruppo di coach Costagliola è subito tornato a lavoro per preparare questa delicata sfida contro la compagine molisana, per regalare ai propri supporters una vittoria importante e confermarsi al primo posto in classifica. 
Per fare ciò però i doriani dovranno dare fondo a tutte le proprie energie dato che non sarà affatto semplice imporsi contro una squadra impegnata nella lotta salvezza e che ha assoluto bisogno di punti. Le ultime uscite di Isernia hanno segnato un vero e proprio cambio di rotta per Orefice e compagni, capaci, nell’ultimo turno, di superare l’altra capolista Forio.
Nonostante la posizione in classifica, Isernia può contare su un roster ben assortito che già all’andata, nella vittoriosa trasferta doriana in terra molisana, ha dato qualche filo da torcere a Chiavazzo e soci. Bisognerà prestare particolare attenzione a Orefice, cestista navigato e migliore marcatore dei suoi con 153 punti messi a referto fino ad ora; la guardia Petronella, l’ala piccola Abbrescia ed i lunghi Assui e Charalampis, oltre a tanti altri atleti che, entrati a gara in corso, possono dare disturbo al roster grigio rosso.

È dello stesso avviso anche il coach dei condors, Massimo Costagliola:

“Ci aspetta una partita molto delicata, la classifica non deve ingannare perche Isernia da quando ha cambiato corso con cambio di societa e coach ha inanellato tre vittorie ed una sconfitta superando nell’ultimo turno l’altra capolista Forio. E’ una squadra dall’età media molto giovane con tre giocatori più esperti come Orefice, Assui e Charalampis a fare da chioccia a ragazzi molto interessanti. È allenata bene e produce un basket piacevole ed efficace. Noi viviamo ancora una situazione di emergenza per via di alcuni infortuni importanti ma sicuramente vogliamo riscattare la prestazione di Salerno dove al di là delle assenze siamo stati poco attenti in difesa e precisi in attacco. Il pubblico ci dovrà dare una grossa mano, in un momento difficile il loro supporto potra’ esser decisivo per conquistare un’altra partita e continuare il nostro percorso in classifica”

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

L’Angri Pallacanestro piazza il colpo: arriva Nikola Markus

La società Angri Pallacanestro è lieta di annunciare l’accordo per la chiusura di questa stagione sportiva ed opzione per la prossima con l’atleta Nikola Markus ala-pivot di 200 cm per 100 kg.
Classe 1996, Nikola nasce a Podgorica in Montenegro ma si trasferisce all’età di 15 anni in Italia a San Severo dove inizia il suo percorso di formazione giovanile italiano.
Nella stagione 2013/14 viene reclutato da coach Massimo Costagliola al Basket Pool 2000 Loano e qui rimane tre anni formandosi come uomo e giocatore.  
Nella stessa annata 2013/14 e’ uno dei protagonisti del gruppo che raggiunge le finali nazionali U19 e partecipa al campionato di serie C Nazionale. Nella stagione successiva 2014/15 nel campionato di C Nazionale colleziona in 30 minuti di gioco 12 punti e 9 rimbalzi con il 52% al tiro da 2, il 26% al tiro da 3 ed il 67% ai tiri liberi, l’ottima stagione gli vale la chiamata del Derthona Basket per completare la squadra in serie A2 dove transita in doppio tesseramento nella stagione 2015/16.
Nell’annata 2016/17 inizia il suo percorso da professionista post giovanile a Scauri in serie B, in 20 partite gioca 24 minuti di media totalizzando 7,65 punti con il 65% da 2, il 33% da 3 ed 82% ai tiri liberi accompagnati da 4 rimbalzi a gara. L’ottima stagione da rookie viene interrotta sul più bello da un brutto infortunio al ginocchio che ne frena l’evidente percorso di crescita.
Nella stagione 2017/18 ritrova minuti e campo a Cerignola nuovamente in serie B prima di recitare nella scorsa annata un ruolo da protagonista nel campionato di C Gold in Piemonte con la Fortitudo Alessandria. Con la squadra piemontese dopo aver dominato la regular season arriva alla finale promozione persa in 4 gare, in 30 partite Nikola gioca 22,6 minuti di media siglando 12,63 punti con il 50% da 2, il 28% da 3 e l’82% ai tiri liberi arricchiti da 7,1 rimbalzi.
All’inizio della stagione attuale firma per il Basket Giulianova in serie B, gioca 16 minuti a gara con la media di 4,19 punti e 4,12 rimbalzi prima che si concretizzi la possibilità del trasferimento in maglia grigiorossa.

Il commento del Presidente Alfonso Campitiello sull’operazione di mercato:

“Sono davvero soddisfatto di questo mercato invernale, ritengo le operazioni condotte dal nostro DS Tony Benincasa insieme al nostro Coach Massimo Costagliola brillanti e funzionali al nostro sistema e progetto. Oggi diamo il benvenuto a Nikola Markus, un atleta che andrà ad aumentare lo spessore del nostro reparto interni completandolo con la sua esperienza ed energia. Ora siamo al completo e possiamo contare su 14 elementi tutti molto validi. La strada è ancora tanto lunga e difficile, le insidie sono dietro l’angolo in ogni partita ed avremo bisogno di tanta umiltà e dedizione per conservare il primato. Sono fiducioso perché i nostri ragazzi hanno potenziale per crescere ancora e da oggi potremo contare su un’arma in più a nostra disposizione.“

La presentazione dell’atleta dalle parole del coach Massimo Costagliola:

“In primis ringrazio la società per l’intervento effettuato, un’operazione che serve a dare ulteriore sostegno e forza ad una squadra che sta compiendo un cammino straordinario. E’ un piacere ritrovare Nikola e poterlo allenare a distanza di sette anni dopo che le sue qualità fisiche e caratteriali impressionarono favorevolmente per il suo reclutamento. Da quel momento ha avuto un percorso importante dove è cresciuto come giocatore arricchendosi di esperienze di gioco in diversi campionati e come uomo superando con forza e coraggio momenti non semplici. Ha 23 anni e possiede margini di sviluppo ancora notevoli.
È un ragazzo capace di giocare nei due ruoli di ala forte e pivot, solidità fisica e doti caratteriali lo rendono un ottimo difensore e rimbalzista oltre che un collante offensivo pronto a creare spazio ai compagni con i suoi blocchi. Con queste qualità completa il nostro reparto interni e sicuramente potrà’ diventare un addizione importante per la squadra in questo proseguio di stagione.

Queste le prime parole dell’atleta:

“Arrivo ad Angri con grande entusiasmo. La presenza del Coach, il suo modo di allenare e far crescere i giocatori è stato determinante nella mia scelta. Ho visto alcune partite della squadra ed ho subito notato un gruppo molto forte e coeso sul piano caratteriale, la squadra gioca molto bene in attacco ed ama correre in contropiede cosi come in difesa piace esser aggressiva sulla palla. E’ una tipologia di gioco che mi piace molto ed in cui penso di potermi inserire positivamente. Sono venuto ad Angri con grande voglia di vincere e diventare parte di questo progetto. Abbiamo tutte le carte in regola per continuare a fare bene ed arrivare fino in fondo”.

Nikola ha svolto il suo primo allenamento nella serata di ieri, indosserà la maglia n.4 e sarà a disposizione sin dalla difficile trasferta di domani contro la Pallacanestro Salerno.

Nicolaio in prestito al Basket Rende

L’Angri Pallacanestro comunica di aver ceduto in prestito le prestazioni sportive di Nico Nicolaio al Bim Bum Basket Rende. Arrivato alla corte dei Doria all’inizio della scorsa stagione, Nicolaio ha saputo affermarsi come pedina importante nelle rotazioni del roster doriano, dando sempre il suo apporto alla causa doriana e facendo vedere al pubblico doriano tutto il suo talento. All’ala va un sentito ringraziamento da parte del club del presidente Alfonso Campitiello per essere stato uno dei primi giocatori a credere nel progetto grigio rosso e uno dei protagonisti della scorsa stagione.

Queste le dichiarazioni del presidente Campitiello:

“Ringrazio prima di tutto la splendida famiglia Nicolaio per aver creduto in noi fin dal primo momento e per aver riposto tutta la loro fiducia nei nostri confronti, facendo restare Nico qui ad Angri per ben 2 anni, lontano da casa e con tutte le responsabilità del caso. Nico ha rappresentato e rappresenta un patrimonio per l’Angri Pallacanestro e continuerà la sua crescita in una società che sicuramente saprà farlo crescere e far venir fuori tutte le sue indubbie qualità. Se a fine stagione vorrà ritornare qui ad Angri le porte della nostra società e della nostra Città saranno sempre aperte anche perché è pur sempre un nostro tesserato.”

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

Quarta vittoria consecutiva: l’Angri Pallacanestro supera Cercola

Pallacanestro Cercola – Angri Pallacanestro: 67-94 (13-27; 24-21; 17-27; 13-19)

Quarta vittoria consecutiva per l’Angri Pallacanestro. Dopo la vittoria contro Forio ed il raggiungimento delle Final Four di Coppa Campania i doriani ottengono il terzo successo in altrettante partite settimanali e si confermano al primo posto in classifica. A pagare dazio questa giornata è stata la Pallacanestro Cercola, battuta da Chiavazzo e soci con il risultato di 67-94. Partita mai in discussione quella andata in scena sul parquet napoletano, coi ragazzi di coach Costagliola che conducono la contesa fin dalla palla a due e non lasciano libertà d’azione ai locali. Ottima prova di tutto il roster doriano, in cui spicca la quarta doppia-doppia consecutiva di Anaekwe (20+16), l’ennesima prova importante di Seskus e Chiavazzo e l’importante apporto dalla panchina, soprattutto di Lo Piccolo, capace di mettere a referto 15 punti in 17 minuti di utilizzo.

La partita:

Pronti-via ed i doriani piazzano un incredibile break di 0-17 grazie ai canestri di capitan Chiavazzo, Anaekwe, Seskus e Melillo. Cercola prova a scuotersi coi canestri di Mastroianni, Tolino e Fiscale, ma i doriani, grazie ad una difesa forte ed un attacco organizzato e cinico, non si lasciano intimorire dalla reazione d’orgoglio dei padroni di casa e continuano a colpire con regolarità il canestro avversario. Si iscrive a referto anche Cirillo e al termine della prima frazione il punteggio dice 1327.

Il secondo quarto si apre con l’ennesimo break mortifero messo a referto dai condors che, grazie ai canestri dei soliti Seskus ed Anaekwe, a cui si unisce anche Izzo, segnano un parziale di 2-9 e si portano sul 15-36. Bauduin e Molinari provano a caricarsi la squadra sulle spalle e nella seconda parte di quarto provano a far tornare in partita la squadra partenopea. Angri trova punti importanti dalla panchina grazie al duo Cirillo – Lo Piccolo e, all’intervallo, i doriani sono avanti 3748.

Nel terzo quarto la musica cambia; i doriani tornano a macinare gioco e punti, trovando canestri importanti da tutti gli uomini chiamati in causa. Seskus, Anaekwe, Chiavazzo e Mwana Nzita imbandiscono un break di 0-12 che vale il 42-60 e sembra dare la spallata decisiva al match. Cercola prova a dare un senso al match con i punti dei suoi uomini migliori, ma i condors, in chiusura di quarto, toccano il +20 grazie e, al 30’, conducono con il punteggio di 5475.

L’ultimo periodo ha poco da raccontare. Trascinata da un Lo Piccolo in serata di grazie, l’Angri Pallacanestro gestisce il vantaggio e col passare dei minuti chiude definitivamente i giochi. Nel finale c’è anche spazio per il canestro di Coppola. Alla sirena finale, i grigio rossi possono portare a casa un successo importante grazie al risultato di 67-94.

Le dichiarazioni:

Al termine del match, soddisfatto coach Costagliola:

“Su un campo ostico contro una squadra motivata e fisicamente in forma abbiamo compiuto un altro passo importante nel nostro percorso stagionale. La squadra ha sfoderato una prestazione matura approcciando la gara con la giusta determinazione e controllando ogni tentativo di rientro avversario. I ragazzi sono stati bravi a non far sentire l’assenza di Sprude, un pilastro del nostro gioco. Sono contento per l’apporto avuto dai ragazzi subentrati dalla panchina, la loro crescita progressiva mi mette nelle condizioni di utilizzare le risorse umane in maniera sempre più razionale ed aumentare le opzioni in squadra. Domenica ci aspetta un altra trasferta insidiosa in quel di Salerno, sarà importante fare una settimana buona di allenamenti per arrivare pronti alla gara.”

I tabellini:

Pallacanestro Cercola: Molinari 16; Mastroianni 15; Tolino 10; Bauduin 7; Scognamiglio 7; Capezza 4; Cortese 4; Fiscale 4; Lella; Romano; Verde. Coach: Caprio.

Angri Pallacanestro: Seskus 22; Anaekwe 20; Chiavazzo 16; Lo Piccolo 15; Mwana Nzita 7; Melillo 6; Cirillo 5; Izzo 2; Coppola 1. Amodio; Palladino. Coach: Costagliola.

Ufficio stampa Angri Pallacanestro

 

 

C’è ancora Cercola sul cammino dell’Angri Pallacanestro.

Archiviato il raggiungimento delle Final Four, l’Angri Pallacanestro deve tornare con la testa al campionato. I condors infatti sono attesi, nel 13º turno del campionato di Serie C Gold, da un ostico impegno in trasferta contro la Pallacanestro Cercola. Palla a due Domenica 26 Gennaio, ore 18:00. Dirigeranno il match il 1º arbitro, Fabio Petrillo di Avellino, ed il 2º arbitro, sig.ra Valeria Santoro di Maddaloni (CE). 
All’andata arrivò la prima vittoria in campionato. In settimana è arrivata la vittoria nei quarti di finale di Coppa Campania, sempre tra le mura amiche del PalaGalvani. Portare a casa un’altra vittoria a campi invertiti sarà difficile, ma i doriani vorranno sicuramente andare a Cercola per fare risultato, ottenere la quinta vittoria consecutiva e consolidare il ruolo di capolista ottenuto Domenica scorsa grazie alla vittoria casalinga su Forio. Come già detto, non sarà semplice imporsi per la 3ª volta in stagione sul roster napoletano che ha bisogno di punti importanti per restare in zona play-off e che, soprattutto, vorrà ritrovare la vittoria che oramai manca da ben 5 giornate e regalarsi una “vittima illustre”. Bisognerà fare particolare attenzione alle motivazioni di un organico composto da tanti atleti giovani e competitivi. Tra questi, menzione speciale per il playmaker Pasquale Greco, ex del match che già all’andata ha creato diversi grattacapi alla difesa grigio rossa. A seguire bisognerà tenere sotto controllo la guardia Molinari, l’ala grande Bauduin e l’ala piccola Scognamiglio. Occhio anche agli uomini che possono subentrare dalla panchina, come La Marca, Menditto, Cortese ed altri giovani interessanti a disposizione di coach Caprio. 

Sarà dunque un match importante e da non sottovalutare, come anche affermato da coach Costagliola:

“Siamo reduci da una settimana “particolare”; alla vittoria convincente contro Forio ha fatto seguito il raggiungimento delle Final Four di Coppa Campania, un altro obiettivo importante che permetterà alla nostra giovane squadra di acquisire ulteriore esperienza ed avere vetrina interessante. Sono risultati che alimentano fiducia e convinzione nei nostri mezzi ma non devono farci “lievitare” da terra e distrarci rispetto al percorso effettuato ed ancora da compiere. Domenica ritroviamo Cercola e dobbiamo essere consapevoli che ci aspetterà una battaglia, l’avversario vorrà vendicare la sconfitta di mercoledì e moltiplicherà le forze per fare uno sgambetto alla capolista. Equilibrio nelle scelte offensive, transizione difensiva ed attenzione alle caratteristiche individuali dei loro migliori giocatori saranno per noi le chiavi di un match che si presenta ostico e complicato.”

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

L’Angri Pallacanestro supera Cercola e vola alle Final Four di Coppa Campania

Angri Pallacanestro – Pallacanestro Cercola: 91-80 (19-19; 23-16; 32-21; 17-24)

Grazie ad un parziale di 55-37 nei due quarti centrali l’Angri Pallacanestro supera la Pallacanestro Cercola nei quarti di finale di Coppa Campania e si regala il passaggio del turno e la conseguente possibilità, nella Final Four di Aprile, di conquistare il trofeo sfuggito in finale nella stagione 2017/18.

La partita:

Le scorie della partita contro Forio, unite alle assenze di Sprude e capitan Chiavazzo in panchina solo per onor di firma, si fanno sentire in casa angrese, con il quintetto di coach Costagliola che non approccia benissimo al match. Cercola ne approfitta grazie ad un Molinari da subito energico e piazza un parziale di 6-0 che costringe coach Costagliola ad un time out repentino dopo due soli minuti di gioco. Il motore angrese fatica a carburare, Anaekwe segna i primi canestri per i condors a cui fa seguito una tripla di Izzo. Sull’altro fronte i vesuviani sono pimpanti, motivati e la gara procede sui binari dell’equilibrio sino alla fine del primo parziale, chiuso con il punteggio di 19-19.

Lo staff tecnico angrese trova buone risposte in avvio di secondo quarto dalla panchina con l’entrata di Lo Piccolo che in poco tempo porta energia e freschezza alla manovra doriana e firma 7 dei suoi 11 punti finali. A giovarne è però tutto il quintetto angrese che grazie alla fisicità sotto le plance di Coppola e le tre triple consecutive messe a segno da Izzo, Cirillo e Seskus dà una prima spallata al match e chiude il primo tempo in vantaggio di sette lunghezze (42-35).

Al rientro in campo Cercola non demorde e grazie ad un Pasquale Greco in gran forma, autore di tre triple, rimpingua lo svantaggio accumulato. I doriani però non ci stanno e con veemenza, unità d’intenti e cinismo rispondono alle offensive dei viaggianti. L’asse Seskus-Anaekwe inizia a fare male con il pick&roll ed i tentativi operati da coach Caprio di fermare l’attacco locale vengono frustrati dalle triple di Marco Melillo ben pescato dai propri compagni. Ne esce fuori un parziale di 32-21 che chiude il terzo quarto con il punteggio di 74-56 mandando agli archivi di fatto la gara.

Negli ultimi dieci minuti gli ospiti non si arrendono e cercano di rientrare in partita grazie ma i condors non si disuniscono, riescono a gestire il vantaggio e chiudere l’incontro con il risultato di 91-80.

I tabellini:

Angri Pallacanestro: Amodio ne, Palladino, Coppola 5, Izzo 9, Melillo 21, Lo Piccolo 11, Cascone ne, Anaekwe 13, Cirillo 9, Seskus 19, Mwana Nzita 4, Chiavazzo ne. Coach: Costagliola

Pallacanestro Cercola: La Marca 1, Mastroianni, Bauduin 6, Cortese, Fiore, Molinari 20, Fiscale 5, Caiazza, Greco 19, Scognamiglio 11, Verde 10, Tolino 7. Coach: Caprio

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

Parte col botto il 2020 dell’Angri Pallacanestro: battuta Catanzaro

 Angri Pallacanestro-Pianeta Basket Catanzaro: 90-76 (26-18; 26-15; 22-14; 16-29)

Parte col botto il 2020 Dell’Angri Pallacanestro. Dinanzi al pubblico del PalaGalvani, i doriani battono il Pianeta Basket Catanzaro con il risultato di 90-76. I ragazzi di coach Costagliola hanno condotto il match sin dal primo possesso, non lasciando spazio alla offensive degli ospiti e riuscendo sempre a mettere in pratica i dettami dello staff tecnico. Con questo successo ora i condors volano a 18 punti in classifica, in attesa del prossimo scontro: Domenica, al PalaGalvani arriva la capolista Forio.

I quintetti:

Pianeta Basket Catanzaro: Miljanic; Commisso; Stolic; Procopio; Fall.

Angri Pallacanestro: Seskus; Chiavazzo; Melillo; Sprude; Anaekwe.

La partita:

Entrambi le squadre approcciano bene al match. A Miljanic e Commisso risponde con la stessa moneta Sprude. Il cestista grigio rosso prima porta i suoi sul 4-4 poi, grazie anche al canestro di Anaekwe, fa volare i condors sul 10-4. Catanzaro prova a scuotersi con i canestri di Procopio e Stolic, ma i doriani continuano a macinare gioco e punti e, nella seconda parte della frazione, alzano il livello della contesa e pigiano il piede sull’acceleratore, grazie anche dell’entrata a referto di Seskus e Melillo (20-8 all’ 8’). Al termine del primo quarto, i locali sono così avanti 26-18.

Il secondo parziale si apre con il primo canestro in maglia grigio rossa del nuovo arrivato Alessio Izzo; il giovane play apre un break di 8-0, chiuso proprio da una sua tripla, che vale il 34-18. Trascorrono i minuti, Catanzaro prova a ritornare in partita ma le distanze restano immutate, con la truppa di casa che gioca ottimamente in ogni parte del campo e si mantiene in doppia cifra di vantaggio fino all’intervallo lungo (52-33).

Il primo canestro del secondo tempo è ad opera di Procopio, che prova a scuotere i suoi. I tentativi di Malkic e Commisso di scuotere i compagni e spingerli a recuperare il passivo si infrange ripetutamente contro l’accorta difesa dei ragazzi di coach Costagliola che, nella seconda parte del quarto, serrano ancor di più le linee difensive e colpiscono con regolarità il canestro dei calabresi. La tripla sulla sirena di Cirillo vale il 74-47 al termine del terzo quarto.

Gli ultimi 10’ di gioco scivolano via senza patemi per il quintetto angrese; si iscrivono a referto anche MwanaNzita, Coppola e Di Capua e, nonostante qualche piccola disattenzione difensiva nel finale, i condors non vedono in alcun modo scalfito l’ampio margine ottenuto. Alla sirena finale il risultato dice 90-76.

Si chiude con una bella vittoria, dunque, il girone di andata dell’Angri Pallacanestro. Coach Costagliola traccia un bilancio di questa prima parte di campionato.

“Chiudiamo il girone di andata con una vittoria arrivata al termine di una gara autorevole e convincente in una partita che rappresentava un rebus per via della sosta cosi lunga ma che abbiamo saputo ben indirizzare sin dall’avvio rispettando il piano partita difensivo ed offensivo. Grande merito va dato ai ragazzi che dal ritorno in palestra hanno dimostrato rinnovata voglia di stare insieme, impegno e concentrazione verso l’obiettivo. Questa è una squadra che si diverte a giocare assieme composta da atleti ambiziosi che stanno accettando la sfida di alzare sempre più l’asticella dei propri limiti individuali e collettivi. E’ una vittoria pesante che consolida la nostra posizione ai piani alti della classifica, ci conferma come principale sorpresa in questa prima parte di stagione ma soprattutto ci lancia verso un girone di ritorno che vogliamo affrontare con coraggio, entusiasmo e voglia di competere a partire dalla prossima sfida casalinga contro la capolista Forio.“

I tabellini:

Angri Pallacanestro: Seskus 21; Sprude 21; Anaekwe 16; MwanaNzita 1; Chiavazzo; Melillo 14; Lo Piccolo; Di Capua 3; Cascone; Coppola 2; Nicolaio; Cirillo 3; Izzo 7. Coach: Costagliola.

Pianeta Basket Catanzaro: Procopio 22; Miljianic 2; Commisso 8; Fall 8; Stolic 4; Malkic 18; Scala 5; Mavric 3; Rotundo 6; Coach Di Martino.

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.