Seconda vittoria consecutiva per l’Angri Pallacanestro: Salerno cede 86-65

Angri Pallacanestro – Pallacanestro Salerno 86-65 (26-19; 24-14; 17-18; 19-14)

La seconda partita casalinga stagionale dell’Angri Pallacanestro  coincide con la seconda vittoria consecutiva in campionato; dopo Cercola, anche Salerno deve rispettare la legge del PalaGalvani e soccombere con il risultato di 86-65. Match senza storia quello andato in scena al Palazzetto doriano, con i condors che con caparbietà, unione ed intensità indirizzano fin da subito la partita sui binari giusti e regolano senza troppi patemi la compagine salernitana. Chiavazzo e compagni disputano un’ottima partita, giocata ad un ritmo elevato e lavorando di squadra sia in fase difensiva che in fase offensiva, con 4 uomini che hanno chiuso il match in doppia cifra.

I quintetti:

Angri Pallacanestro: Seskus; Melillo; Chiavazzo; Sprude; Anaekwe.

Pallacanestro Salerno: Egas; De Martino; Salvatore; Filippi; Sammartino.

La partita:

L’avvio del match è equilibrato. Angri e Salerno iniziano la partita giocando con intensità e ritmo, lottando su ogni pallone e trovando la via del canestro con continuità. I padroni di casa trovano con Sprude, Melillo e Chiavazzo i primi punti del match, Salerno risponde con capitan Sammartino, De Martino e Filippi, con la contesa che dopo i primi 4’ di gioco dice 11-11. I doriani iniziano a carburare, ad alzare il ritmo del match ed a trovare punti importanti da tutti i cestisti che si alternano sul parquet che riescono anche a serrare le fila difensive ed a non far più trovare la via del canestro agli ospiti. La forbice inizia ad allargarsi e, nel finale di quarto, Seskus e Melillo segnano il 26-19 con cui si chiudono i primi 10’ di gioco.

Un buon impatto di Anaekwe (14 punti nel solo secondo quarto per lui) quarto permette ai padroni di casa di tenere a debita distanza Salerno che prova vanamente a ricucire lo strappo (41-22 al 15’). Si iscrivono a referto anche Cirillo e Lo Piccolo che entrano in campo con la giusta carica e confermano di avere doti e qualità importanti. I giovani condors alzano continuamente il ritmo del match, non permettendo agli ospiti di avvicinarsi nonostante i canestri di Egas e Filippi che però non sortiscono l’effetto sperato e che di fatto non mutano l’andamento della gara, saldamente nelle mani della compagine doriana che guadagna gli spogliatoi all’intervallo, in vantaggio 50-33.

La ripresa inizia all’insegna di Sprude e Seskus: mentre l’intero collettivo grigio rosso continua a difendere con intensità, recuperando anche falli in attacco, i due stranieri, coadiuvati da Chiavazzo, fanno la voce grossa, mettono a referto un break di 8-0 e fanno segnare il 58-33. Filippi prova a fermare l’emorragia ma non basta ad assottigliare l’enorme distacco che c’è tra i due quintetti, che si mantiene sulla doppia cifra per quasi tutta la durata del quarto. Il buzzer – beater di De Martino chiude la terza frazione sul punteggio di 67-51.

L’ultimo quarto non contiene particolari sussulti. Angri gestisce il vantaggio e non concede alcuno spazio di ripresa al quintetto ospite che non può fare altro che attendere la sirena finale. Negli ultimi momenti di gara, Costagliola manda in campo i giovani condors, un quintetto formato da tutti “millennials” che non sfigura, facendo segnare anche i primi punti in campionato ad Amodio e Di Capua. Alla sirena finale, il PalaGalvani festeggia la vittoria arrivata con il risultato di 86-65.

Le dichiarazioni:

Soddisfatto, al termine del match, il coach doriano Massimo Costagliola:

“La squadra merita i complimenti per la gara disputata, i ragazzi sono stati bravi a rispettare le consegne eseguendo con grande attenzione ed uguale energia il piano partita difensivo ed offensivo. Siamo riusciti a spegnere le loro fonti di gioco così come a sfruttare i nostri vantaggi in attacco selezionando sempre la migliore opzione da cui andare. L’equilibrio avuto nella distribuzione di tiri e punti è segnale importante di una squadra che legge il gioco in base al vantaggio creatosi in campo e non all’egoismo di turno. Abbiamo fatto un passo avanti anche nella gestione del ritmo non accelerando più una volta acquisito un vantaggio consistente ma lasciando alla squadra avversaria l’onere di “provocare” una rottura del nostro equilibrio che non c’è stata. Abbiamo ancora ampi margini di miglioramento collettivo ed individuale che se proseguiamo con questo atteggiamento sicuramente arriveranno con il tempo. Domenica ci aspetta una difficile trasferta ad Isernia, società che non ha badato a spese costruendo una squadra con il dichiarato obiettivo di vincere il campionato, per noi sarà un ulteriore occasione di crescita in una partita da affrontare senza pressione ma con grande senso di sfida e coraggio.“

I tabellini:

Angri Pallacanestro: Sprude 18; Anaekwe 16; Melillo 16; Seskus 14; Chiavazzo 6; Cirillo 4; Lo Piccolo 4; Mwananzita 4; Amodio 2; Di Capua 2.Coach: Costagliola.

Pallacanestro Salerno: Filippi 20; Kochev 12; Sammartino 12; De Martino P. 7; De Martino A. 6; Egas 4; Salvatore 4. Coach: Menduto.

Christian Montella.

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

Terza giornata di campionato, al PalaGalvani arriva Salerno

L’ Angri Pallacanestro è ancora di scena al PalaGalvani di Angri dove domani, ore 18:00, ospiterà la Pallacanestro Salerno nel derby tra due team di vertice del campionato. Il match verrà diretto dal 1^ arbitro, il sig. Argenio Simone di Mercogliano (AV) e la sig.ra Melchionda Chiara di Avellino.

Dopo la bella vittoria di Domenica scorsa, ottenuta al termine di un match condotto fin dalla palla a due, l’Angri Pallacanestro ha avuto modo di preparasi con più serenità al secondo match interno consecutivo del campionato che i ragazzi di coach Costagliola vorranno sicuramente portare a casa. I condors sono riusciti brillantemente a buttarsi subito alle spalle il k.o. contro il Forio e hanno affrontato l’impegno casalingo contro Cercola, per nulla semplice, spinta dal sostegno del PalaGalvani che ha dato la spinta in più ai padroni di casa ed è per questo che Chiavazzo e soci sperano di poter contare ancora una volta sul proprio pubblico per portare a casa la seconda vittoria consecutiva.

L’impegno, però, non è per nulla agevole. La formazione salernitana è composta da un mix di cestisti giovani e navigati che, alla vigilia faceva ben sperare gli appassionati della palla a spicchi del capoluogo provinciale. Tuttavia, dopo i primi 80’ del campionato, i ragazzi di coach Menduto sono ancora a secco di vittorie e dunque è facile immaginare che verranno al PalaGalvani per giocarsi le proprie carte e rompere il ghiaccio in stagione mettendo i primi due punti in classifica. Bisognerà prestare particolare attenzione al capitano dei salernitani, Bruno Sammartino, il quale in questo inizio di campionato è parso davvero in palla con 17.5 punti di media e prestazioni convincenti. Occhio anche al duo FilippiDe Martino, due cestisti esperti di queste categorie e che possono essere letali in ogni zona del campo, alla guardia Salvatore che già da diversi anni milita tra le fila del roster salernitano ed infine al play Egas, un cestista talentuoso e che possiede un elevato QI cestistico.

Ecco le dichiarazioni dell’assistant-coach doriano, Francesco Iannone:

“Quando la Pallacanestro Salerno è stata costruita, l’obiettivo era ben chiaro: quello di lottare al vertice della classifica e puntare ai play-off. Tuttavia, le prima due partite disputate dal roster salernitano hanno dimostrato tutt’altra cosa, con i salernitani che hanno collezionato due sconfitte. Dunque, è normale attendersi un cambio di marcia da parte loro che vorranno sicuramente perdere ancora e vorranno farlo in quello che si prospetta essere un vero e proprio scontro diretto, oltre che ad essere un match sentito da tutti. Troveremo una squadra molto talentuosa e che vede nel play-maker Egas il proprio punto di forza, un giocatore molto bravo a prendere vantaggio in penetrazione ed a trovare sempre passaggi coi tempi giusti. Abbiamo poi la guardia Pasquale De Martino, cestista che può far male da ovunque ed Aldo Filippi, un ala forte di peso che saprà dare la giusta carica e la giusta esperienza per sbloccare la classifica. Completa il quintetto Sammartino e Kochev, bulgaro che non ha ancora esordito ma di cui abbiamo ottime referenze. Dal canto nostro, vogliamo vincere e continuare sulla scia della vittoria con Cercola. Affrontiamo un match difficile contro una squadra strutturata, però per noi questa sarà una prova e sono certo che i nostri ragazzi faranno di tutto per superarla a pieni voti e regalare l’ennesima gioia al pubblico doriano e rendere ancor di più un fortino il nostro PalaGalvani: tutti devono sapere che qui in casa nostra venderemo ancor di più cara la pelle.”

Christian Montella

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

 

Angri batte Cercola e conquista la prima vittoria in campionato

Angri Pallacanestro – Pallacanestro Cercola: 93-83
Prima vittoria stagionale per l’Angri Pallacanestro che fa valere la legge del PalaGalvani e batte, nel primo match interno del campionato, la Pallacanestro Cercola con il risultato di 93-83. Il secondo turno del campionato di Serie C Gold regala così i primi due punti stagionali alla compagine doriana, che ha fatto dimenticare lo sfortunato esordio con una prestazione non altisonante ma che è valsa ugualmente la vittoria; non è stato semplice, infatti, piegare la resistenza di una formazione, quella napoletana, che in campo ha dato il massimo, restando in partita fino alla fine anche quando sembrava spacciata, riuscendo in più occasioni a far tremare il pubblico del PalaGalvani. Greco e compagni hanno tenuto duro, sono riusciti a recuperare anche un passivo importante ma alla fine hanno dovuto cedere il passo alla voglia di riscatto dei padroni di casa, che non hanno mollato e sono riusciti a far propri i due punti in palio.


I quintetti
:
Angri Pallacanestro: Seskus; Melillo; Chiavazzo; Sprude; Anaekwe.
Pallacanestro Cercola: Bauduin; Greco; Molinari; Cortese; Fiscale.

La partita:
Il match si apre a rilento. Angri trova punti e canestri importanti dalle mani di Melillo e Cirillo, mentre Sprude ed Anaekwe dominano il pitturato. I viaggianti provano a tenere il passo grazie ai canestri del duo Molinari – Greco ma la determinazione dei locali è tale e tanta che i napoletani si ritrovano subito ad inseguire, facendo fatica, ma riuscendo lentamente a ricucire lo strappo, grazie alla verve anche di Verde e Bauduin che riescono a riportare la partita sul giusto binario (18-16 all’8’I padroni di casa impiegano un po’ di tempo, ma poi riescono a prendere le giuste contromisure agli ospiti ed a trovare costanza offensiva e solidità difensiva, cosa che permette a Chiavazzo e compagni di segnare un break di 10-0 e di chiudere il primo quarto avanti con il risultato di 26-16.
Il secondo quarto si apre sulla falsariga del primo, con i doriani che grazie ai canestri di Chiavazzo ed Anaekwe raggiungono anche il +16 (34-18). Cercola prova a rientrare in partita con intensità e ritmi elevati, trovando punti importanti anche dalle mani di Cortese, oltre che dei soliti Bauduin, Molinari e Greco, abili nello sfruttare le disattenzioni della difesa dei padroni di casa. Dalla panchina è Lo Piccolo a dare ossigeno ai suoi ed a riportare i viaggianti a distanza di sicurezza grazie a 6 punti consecutivi ed in rapida successione. I canestri finali di Lupo e Molinari chiudono il primo tempo con il risultato di 49-38.

Greco e Molinari, coadiuvati da De Rosa, Cortese e Bauduin, iniziano con il piede giusto la ripresa delle ostilità in entrambe le fasi di gioco e riescono a tornare sotto la doppia cifra di svantaggio(60-53). I padroni di casa non continuano a macinare gioco e punti come nei primi 20’ di gioco, ma al contrario sembrano contratti e commettono errori sia in attacco che in difesa. Cercola ne trae vantaggio e prova a tornare in partita alzando il ritmo della contesa e trova punti importanti che fanno assottigliare sempre di più lo scarto tra i due quintetti (63-58). Nel finale di quarto però i ragazzi di coach Costagliola hanno una reazione d’orgoglio e grazie ai canestri di Chiavazzo, Melillo e Anaekwe tornano sul +10 a quota 68-58. Nell’ultimo minuto di gioco, Cercola trova 5 punti grazie al canestro di Lupo ed al buzzer-beater di Bauduin che fissa il punteggio sul 68-63.
L’ultimo parte col botto, con le due squadre che si danno battaglia e lottano su ogni pallone. Angri va a segno con Chiavazzo, Sprude ed Anaekwe, mentre Cercola risponde con Cortese, Lupo e Bauduin d il punteggio recita 78-74. I doriani provano a scappare e con la coppia lituana Seskus – Sprude vanno sull’82-76, ma i napoletani non ci stanno e grazie agli attacchi di Molinari si portano ad una sola lunghezza di distanza dai condors quando mancano poco più di 2’ da giocare (82-81). Ed è proprio nel momento di maggior bisogno che salgono in cattedra gli uomini di esperienza del roster di coach Costagliola; Chiavazzo e Melillo si caricano la squadra sulle spalle e, sospinti da un PalaGalvani in fermento, segnano un break di 7-0, grazie anche alla regia ed al canestro di Seskus, e portano i condors sull’89-81. Cortese segna l’ennesimo canestro della sua gara, ma il 2/2 di Cirillo chiude definitivamente i giochi e sanciscono la prima vittoria stagionale arrivata per 93-83.

I tabellini:

Angri Pallacanestro: Melillo 21; Anaekwe 16; Chiavazzo 15; Sprude 12; Cirillo 10; Lo Piccolo 7; Seskus 7; Amodio 3; Mwana Nzita 2.

Pallacanestro Cercola: Greco 18; Molinari 18; Cortese 16; Bauduin 14; Lupo 6; Verde 4; De Rosa 2.

 

L’avversario: Pallacanestro Cercola

Dopo la promozione in C Gold, l’ultima stagione di Cercola è stata caratterizzata dal coinvolgimento nella dura lotta per l’accesso ai playoff culminata con il raggiungimento della settima posizione in classifica che è valsa ai napoletani l’accesso ai quarti di finale play-off. Tuttavia, Balestrieri e compagni hanno dovuto cedere il passo al New Basket Agropoli, capace di imporsi per 2-0 nella serie.
Il leitmotiv per quanto riguarda questa annata sembra lo stesso, con Cercola che non stecca all’esordio e batte la Pallacanestro San Michele Maddaloni, candidandosi seriamente ad essere un outsider del torneo.
La punta di diamante della squadra è quel Pasquale Greco di ritorno nella città dove si espresse al meglio qualche anno fa, quando l’Angri Pallacanestro, alle prime esperienze in Serie C, decise di puntare su di lui affidandogli la cabina di regia. Greco ha già fatto vedere ottime cose all’esordio in campionato, mettendo a referto 27 punti Attualmente miglior cannoniere del roster napoletano, dalle sue mani passa gran parte della pericolosità offensiva della Pallacanestro Cercola.
A fargli da spalla fra gli esterni titolari c’è una coppia giovani e vibrante come quella composta dall’ex Napoli e Palestrina Dario Molinari e dal giovane Eugenio Cortese: entrambi hanno dimostrato di essere un duo ben assortito e di poter far male da ogni zona del campo. Nella prima giornata di campionato hanno trovato spazio importante i due giovani Fiore e Lupo, autori di una prova importante condita, rispettivamente, da 10 ed 11 punti. I due giovani talenti hanno dimostrato di essere alternative importanti a disposizione del roster partenopeo.
Cercola è dunque una squadra forte, ben assortita ed ha a disposizione più soluzioni per poter colpire l’avversario. Si prospetta, dunque, un match vibrante e combattuto, con le due squadre che, per motivi ed ambizioni diverse, venderanno cara la pelle.

Angri Pallacanestro – Sorriso Azzurro Sant’Antimo 65-67

Gli U16 Eccellenza del consorzio JVB non riescono a bissare il successo di Barra e devono alzare bandiera bianca al cospetto del Sorriso Azzurro Sant’Antimo al termine di una partita ricca di spunti sia sul piano tecnico tattico che agonistico. 

Le due squadre partono leggermente contratte nel primo parziale, Angri prova a far valere con poco successo il vantaggio fisico sotto le plance mentre I viaggianti di converso cercano di infilare la difesa locale con il gioco in penetra e scarica. È nel secondo parziale che gli ospiti confezionano il primo break, i ragazzi di Scotto di Luzio sono bravi a prendere il sopravvento ai rimbalzi offensivi e sulle palle vaganti e capaci di concretizzare ottimamente il buon numero di liberi procurati. Si va negli spogliatoi sul 18-25. Al rientro in campo però è un’altra musica, Capitan De Simone suona la carica ai propri compagni mentre D’Apice inizia a fare la voce grossa sotto canestro. La difesa dei ragazzi di coach Costagliola si fa dura ed impenetrabile dando il via alle numerose azioni di transizione ben condotte da Ruocco. L’inerzia della gara cambia totalmente, i grigiorossi si rendono capaci prima di agguantare e poi di superare gli ospiti chiudendo il quarto in vantaggio di sei lunghezze sul 43-36. Il divario aumenta ancora in avvio di ultimo quarto, una bomba di Scognamiglio al termine di una magistrale azione di squadra segna il 51-40 a favore dei condors prima che il tabellone elettronico del PalaGalvani cessi di funzionare. L’attesa per il recupero dell’attrezzatura di riserva è più lunga del dovuto e la cosa rende gioco agli ospiti capaci di riordinare idee. Al rientro in campo, infatti, il trend della gara cambia totalmente. In casa Angri calata l’adrenalina si spegne la luce, disattenzioni difensive, rimbalzi concessi, palle perse si accumulano e gli ospiti trascinati dal play Puca sono bravi a sfruttare l’occasione piazzando un break micidiale capace di ribaltare la gara. Sul -6 ad un minuto dalla fine arriva la nuova reazione degli angresi, Ruocco e Scognamiglio confezionano un miniparziale di 5-0 e dopo i liberi falliti da Puca ad 8” dalla fine l’azione in penetrazione di Scognamiglio vede svanire sul ferro i sogni di vittoria angresi. La partita si chiude sul punteggio di 84-82 per i napoletani.

I tabellini:

Angri Pallacanestro: Abagnale, Passarelli 8, Cinque 3, Ruggiero A. , Ruggiero P. 2, Merenda , D’Apice 17, Scognamiglio 12, Ruocco 3, De Simone 14, Ferraioli 5, De Conte All Costagliola Ass. Tortora-DeGennaro.

Sorriso Azzurro Sant’Antimo: Bellissimo, Ronca 9, Polito, Colaianni, Riccio 2, Puca 21, Gifuni 11, Di Monda, Guadalupi 1, Stanzione 20, Di Donato 2 All. Scotto di Luzio

Esordio in campionato amaro: Angri cede il passo al Forio Basket

Forio Basket-Angri Pallacanestro: 84-82
Esordio in campionato amato per L’Angri Pallacanestro. Una buona dose di sfortuna, mista a qualche errore di troppo, ha fatto coincidere la prima giornata del campionato di serie C Gold con la prima sconfitta del team doriano , superato 84-82 dal Forio Basket.
La compagine grigio rossa ha praticamente condotto la partita per oltre 35’ e si è trovata ad un passo dalla vittoria, ma i numerosi errori ai liberi di Chiavazzo e soci, uniti al rientro in partita del team isolano, hanno vanificato quanto di buono fatto fino a quel momento. Alla delusione e all’amarezza per la maniera in cui è maturato questo risultato, fa però da contraltare la consapevolezza di aver disputato la migliore partita possibile e di avere quindi ampi margini di miglioramento e di riscatto, già a partire dalla prossima sfida in calendario.

La partita:
Comincia piuttosto a rilento la sfida del PalaErrico. I due quintetti, anziché spingere sin da subito, preferiscono studiarsi a vicenda. Ne viene meno la spettacolarità e la prolificità dei canestri realizzati, con il punteggio che resta basso. I doriani però iniziano a macinare gioco e punti, trovano solidità difensiva e cinismo in attacco, costruiscono azioni importanti e provano a dare il primo strappo al match imponendo il proprio ritmo. Dopo i primi 10’, la sirena dice 15-22.
Il secondo quarto viene condotto sulla falsariga del precedente, con Seskus e Sprude sugli scudi e che approfittano delle continue disattenzioni difensive dei padroni di casa per segnare da ogni zona del campo. Al termine del primo tempo, la tripla di Seskus vale il 32-41.
Al rientro dagli spogliatoi, la gara si sporca. Forio varia difese in continuazione, aumentano i fischi arbitrali e gli angresi perdono il ritmo dell’incontro.
Aumentano gli errori al tiro da parte dei doriani, il cronometro scorre, favorendo il gioco compassato a difesa schierata dei locali, che lentamente riducono sempre di più lo svantaggio.  I ragazzi di coach Costagliola, tuttavia, sono comunque bravi a mantenere il vantaggio al suono della terza sirena chiudendo il quarto sul +5.
L’ultimo quarto sembra essere quello decisivo. Angri mantiene un vantaggio costante tra le 6 e le 10 lunghezze ma quando tutto sembra fatto Di Napoli e compagni si affidano all’estro dell’esterno argentino Gandoy che, con esperienza e cinismo, mista ad un po’ di fortuna, riescono a riportare la partita in parità grazie ad una tripla a 10” dalla fine del match. Costagliola costruisce l’ultima azione, l’ultimo tiro che però non entra. Al suono dell’ultima sirena, il tabellone elettronico recita 72-72.
Si torna in campo per quelli che saranno gli ultimi e decisivi 5 minuti del match. Angri parte bene, nel segno di capitan Chiavazzo che suona la carica e porta i suoi avanti sul 72-77. Dopo la replica foriana con Loncarevic, una tripla di Sprude porta i suoi sul +6. Sul versante opposto Gandoy da tre risponde immediatamente, Angri mantiene due lunghezze di vantaggio all’ultimo giro di orologio
ma Sprude dopo esser stato infallibile dalla lunetta sino a quel momento fa 1/4 ai liberi lasciando a Forio la possibilità di pareggiare, i locali prima si avvicinano poi sorpassano con Milutinovic mentre gli angresi perdono il bandolo della matassa giocando male gli ultimi possessi e lasciando strada libera a Di Napoli&C. che con grande esperienza portano a casa la vittoria.

Le dichiarazioni:
Al termine del match, non nasconde l’amarezza coach Costagliola:

“ Complimenti a Forio, ha vinto una gara resistendo nelle difficoltà da squadra e sfruttando al massimo la propria esperienza nei momenti clou.
Penso che con il roster a disposizione adesso potrà recitare un ruolo da protagonista in questo torneo.
Noi abbiamo giocato una buona partita, cercando di imporre il nostro ritmo e ci siamo riusciti per lunghi tratti conducendo per 38’ nei regolamentari e per 4’30” nei supplementari. Ci e’ mancata freddezza nel prendere un vantaggio più corposo quando l’inerzia era chiaramente nostra nei primi tre quarti, cinismo nel saper chiudere la gara, sicuramente lucidità nei momenti decisivi. Siamo ancora al 50% nel processo di integrazione, abbiamo potenziale da sfruttare e far emergere, la nostra crescita sarà direttamente proporzionale alla capacità di imparare dagli errori e di acquisire quella necessaria esperienza che oggi è mancata nei momenti che contavano.”

I tabellini:
Forio Basket: Loncarevic 19, Di Napoli 23, Gandoy 25, Milutinovic 2, Conforto 6, Polito 0, Sorrentino 9, Aiello, Morales, Nicolella

Angri Pallacanestro: Amodio, Di Capua, Cascone, Coppola, Melillo 6, Lo Piccolo 5, Anaekwe 10, Mwananzita 4, Cirillo 2, Sprude 22, Seskus 22, Chiavazzo 11

Esordio in campionato: L’Angri Pallacanestro sfida il Forio Basket

Dopo 5 mesi dall’ultima uscita ufficiale, l’Angri Pallacanestro è pronta a tornare in campo. Domani, infatti, i ragazzi di coach Costagliola affronteranno, al PalaErrico di Pozzuoli, il Forio Basket, team isolano che lo scorso anno ha raggiunto la promozione nell’attuale campionato di serie C Gold.

Palla a due alle ore 16:30.

Dopo un mercato estivo che ha completamente rivoluzionato la squadra e la filosofia del roster angrese, i doriani si apprestano ad affrontare un campionato di Serie C Gold diverso, con l’inserimento di 3 squadre extra-campane, e molto più equilibrato.

L’esordio, non è di certo agevole; il Forio degli ex Di Napoli e coach Iovino ha allestito una squadra forte e, nonostante si presenti ai nastri di partenza come una neopromossa, ha tutte le carte in regola per candidarsi a vera e propria mina vagante del campionato, grazie agli innesti del francese Louisierre, l’argentino Gandoy e l’ungherese Zsombor, oltre alle conferme di alcuni cestisti che lo scorso anno raggiunsero la promozione.

Al contempo in casa Angri Pallaacanesto il pre-campionato è stato da lavori in corso: i nuovi elementi con il passare dei giorni stanno creando un’amalgama dentro e fuori dal campo e nonostante qualche problema in corso d’opera la squadra pare abbia trovato già un’identità di gioco ben precisa, dettata dallo staff tecnico angrese. Buone le prove estive che, aldilà del risultato, hanno sempre testimoniato l’egregio lavoro fatto in settimana. Il materiale umano a disposizione di coach Costagliola è vario e valido, con molti cestisti pronti a far vedere il loro valore.

Ecco le parole del coach angrese, alla vigilia dell’esordio in campionato:

“Finalmente si comincia, dopo tante settimane è arrivato il momento di competere. I ragazzi hanno lavorato bene in questo periodo, non si sono mai risparmiati ed hanno mostrato piacere ed entusiasmo a stare insieme. Il processo di integrazione della squadra purtroppo e’ stato un po’ rallentato da vari acciacchi fisici, aspetto che ci ha permesso solo nella giornata di ieri di svolgere il primo allenamento al completo. Alcuni fattori pero’ sono già emersi inequivocabilmente e rispondono a quello che io desidero vedere dalle mie squadre. La voglia di soffrire insieme ed aiutarsi in difesa, il desiderio di fare sempre un passaggio in più in attacco per trovare il compagno con maggiore vantaggio sono segnali molto positivi, premesse necessarie per costruire una piramide dalla base solida. Da domenica bisognerà esser pronti a combattere consapevoli che in queste prime gare a fare la  differenza più che le qualità tecniche o la preparazione tattica saranno il carattere, la determinazione e la voglia di vincere. E noi su questo piano per esser all’altezza in questo campionato difficile non dovremo esser secondi a nessuno.”

Christian Montella

Ufficio stampa Angri Pallacanestro

Parte con una vittoria l’avventura in Eccellenza dell’under 16.

Buona la prima per i ragazzi dell’under 16 eccellenza del consorzio JVB.
Come prevedibile, l’esordio si è mostrato carico di emozioni un po’ per tutti: dai ragazzi allo staff tecnico. Un gruppo neonato, costituito da ragazzi provenienti dalle realtà di Angri, Castellammare di Stabia, Gragnano e Sant’Antonio Abate, mette in conto le insicurezze dettate per lo più dalla tensione per l’esordio in una categoria che si preannuncia competitiva. Ciononostante, i ragazzi, guidati dal trio di coach Costagliola, DeGennaro, Tortora hanno ben figurato nella prima stagionale. Di fronte c’era il Centro Ester Barra avversario che faceva della rapidità dei propri giocatori la sua arma principale. Il divario fisico a vantaggio degli ospiti è parso sin da subito evidente, consentendo ai viaggianti di avere vantaggi sotto le plance che però non veniva sistematicamente concretizzato. Il risultato è stata una gara in equilibrio per tutto il primo tempo. Al rientro in campo, i ragazzi di coach Costagliola hanno iniziato a difendere e ad attaccare in modo più ordinato, dando evidenza del lavoro svolto, sin qui, in allenamento. Il miglior gioco di squadra dei biancorossi ha avuto la meglio sui padroni di casa, conquistando un buon margine che ha consentito di portare a casa i due punti con il punteggio finale di 45-62.
E’ solo la prima gara, la vittoria dà certo fiducia ad un gruppo che ha ancora molto da lavorare per trovare la sicurezza e una precisa identità di squadra che certo non si può pretendere da ragazzi che da solo un mese giocano assieme per la prima volta.
Prossimo appuntamento con l’under 16 ecc. domenica 6 ottobre alle ore 11:30 con l’esordio casalingo al Palagalvani contro Sorriso Azzurro Sant’Antimo.

Centro Ester Barra – Angri Pallacanestro: 45-62

Barra: Arnone, Fratellanza 1, Vitagliano 7, Di Costanzo, Falcone, Nappo, Ferraro, Barone 9, Esposito 4, Nocerino 6, Romano, Riccardi 17 All. Romano

Angri Pallacanestro: Abagnale, Passarelli 4, Cinque, Ruggiero A. 2, Ruggiero P. 8, Merenda 4, D’Apice 15, Scognamiglio 6, Ruocco 1, De Simone 17, Ferraioli 5, De Conte All Costagliola Ass. Tortora-DeGennaro.

Parziali: 13-9; 7-13; 12-23; 13-17

Tutto quello che c’è da sapere sulla nuova stagione giovanile dell’Angri Pallacanestro.

Con il raduno dei vari gruppi è partita ufficialmente anche la stagione del settore giovanile per l’Angri Pallacanestro. Un’annata che si preannuncia impegnativa e ricca di novità per i giovani Condors chiamati a confrontarsi e volare a livelli sempre più alti.
Partendo dalla base della piramide la delicata fase del passaggio dal Minibasket al Basket con la partecipazione al campionato Under13 , riservato ai nati delle annate 2007-08, sarà affidata ai coach Francesco Chiavazzo ed Antonio Galizia. A loro l’arduo compito di “accompagnare” i sogni dei babies grigiorossi in questo delicato momento di transizione. Passando ai più grandi nati nel 2005-2006 la novità della stagione sarà la partecipazione della squadra al campionato U15Gold, uno scalino superiore al livello Silver in cui lo scorso anno i nostri condorini hanno ben figurato. La società ha deciso di assecondare la crescita di un gruppo molto omogeneo e promettente con l’iscrizione al secondo livello regionale dopo il campionato di eccellenza affidandolo ad un duo di coach di provata esperienza, competenza e affidabilità Francesco Chiavazzo e Daniel Saviano.
Con l’obiettivo di promuovere un servizio sempre migliore e di offrire un livello di competizione maggiore l’Angri Pallacanestro ha deciso di aderire insieme alle società limitrofe della nuova Polisportiva Stabia, del Basket Abatese e dei Lions Gragnano ad un consorzio che possa mettere insieme e far confrontare le
migliori risorse umane di ogni club oltre che sfruttare le migliori risorse tecniche di staff e logistico-strutturali. È stato definito il PalaGalvani di Angri come sede di gioco del campionato Under16 Eccellenza riservato ai nati nel 2004 a cui si parteciperà come gruppo Joint Venture Basket, somma delle migliori risorse umane provenienti dalle società aderenti al Consorzio. I ragazzi rientranti in questo progetto saranno affidati alle cure di coach Massimo Costagliola coadiuvato per la parte tecnica dagli assistenti Giuseppe Tortora ed Aniello De Gennaro e per la parte fisica da un’eccellenza del settore, il Prof. Errico Pappalardo.
Per gli atleti 2004 e 2005 non rientranti in questo discorso agonistico più spinto sarà comunque riservata la possibilità’ di fare attività federale partecipando al campionato U16 Silver seguito dai coach Giuseppe Tortora e Aniello De Gennaro. Claudio Papa e Giovanni Esposito saranno i due dirigenti accompagnatori di riferimento per il settore giovanile sino a questa fascia di età.
Il percorso giovanile verrà completato con la partecipazione ai campionati U18 Gold ed Under20 Élite, i ragazzi delle annate 2000-01-02-03 faranno parte di un progetto di lavoro unico con la prima squadra iscritta al campionato di CGold e vedranno questi campionati come un utile occasione di crescita e trampolino di lancio per conquistare attenzione e minuti preziosi in prima squadra.
Coach Costagliola seguirà in prima persona la squadra u18Gold coadiuvato da coach Francesco Iannone mentre a quest’ultimo, assistito da coach Daniel Saviano, spetterà la guida della squadra Under20. Stefano Conza sarà il preparatore fisico, Gennaro Ferraioli il dirigente accompagnatore.

Un percorso di crescita che parte dalla base ed arriva al vertice fortemente voluto da una società sempre più tesa a rafforzare il proprio vivaio con l’obiettivo di diventare nel tempo non solo punto di riferimento ed aggregazione del comprensorio circostante ma anche trampolino di lancio verso la carriera professionistica per ragazzi provenienti da realtà extra regionali.

Christian Montella.

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.

Bomba di mercato: arriva Domantas Seskus

L’A.S.D. Angri Pallacanestro comunica con grande piacere l’ingaggio per la stagione sportiva 2019/20 del play-guardia lituano Domantas Seskus.
Domantas, alto 182 cm per 75 kg di peso, nasce il 02/12/1992 a Vyrym e viene cresciuto a pane e basket dal papà allenatore Virginius assieme al fratello Edvinas, anch’egli giocatore professionista di ottimo livello.

La sua carriera si sviluppa principalmente nel piccolo paese di Prienai, cittadina lituana di 9.000 abitanti, nella locale squadra del Krepsinio Klubas Prienai che dal 2008/09 scala la vetta del basket lituano partendo dalla quarta serie ed arrivando sino alla LKL, l’equivalente in Lituania della nostra serie A. Nel 2013/14 arriva secondo in campionato e vince la coppa di Lituania battendo in semifinale lo Zalgiris Kaunas ed in finale il Lyetuvos Rytas, nel 2014/15 arriva alle semifinali playoff in LKL e secondo in Baltic League (la lega a cui partecipano le squadre della repubblica baltica), nel 2015/16 vince la Lega Baltica acquisendo la possibilità di partecipare ai tornei europei della Fiba EuropeCup prima ed alla Basketball Champions League nel 2016/17. In queste annate Domantas fa parte in maniera stabile del roster entrando in maniera fissa nelle rotazioni della squadra e firmando nella stagione 2014/15 a 22 anni la sua migliore stagione a livello statistico con 7,5 punti ed 1,8 assist in 22 minuti di gioco con il 43% da due, 40% da 3, 73% ai tiri liberi. E’ in questa stagione in LKL (serie a Lituana) che firma il suo high career di 21 punti e 26 di valutazione contro lo Zalgiris Kaunas. Nel 2017/18 vive la sua prima esperienza all’estero al Cognac Charente (NM2) in Francia prima di tornare in patria sempre al Vytautas Prienai in LKL dove lo scorso anno gioca 9 minuti di media di gioco in una squadra in cui ha i fratelli Lavrinovic come suoi compagni di pick&roll.

Queste le sue prime dichiarazioni da nuovo Condor:
“I’m looking forward to come to Angri to bring good emotions for the people who loves basketball, i hope we will fight like one fist and become family,Italy is one of my favourite country, even my cousin playing here for 5-6 years already and she highly recomended Italy for me.
Expectations are always high, basketball players are very competitive and we wanna win every game.”

“Non vedo l’ora di venire ad Angri per portare buone emozioni alle persone che amano il basket, spero che combatteremo uniti come un pugno e diventeremo una famiglia. l’Italia è uno dei miei paesi preferiti, anche mia cugina gioca qui da 5-6 anni oramai e mi ha raccomandato vivamente l’Italia. Le aspettative sono sempre alte, i giocatori di basket sono molto competitivi e noi vogliamo vincere ogni partita.”

Queste le parole di coach Costagliola:
“I contatti con Domantas risalgono a Giugno e da subito le impressioni sull’uomo e sul giocatore sono state ottime. Siamo molto contenti di averlo tra noi adesso ed io personalmente sono molto curioso di poterlo allenare. È un playmaker con capacità tecniche ed una conoscenza del gioco di una, forse due categorie superiori. Avevamo bisogno di un atleta con queste caratteristiche di leadership e se saprà calarsi nel nostro contesto potrà essere di immenso aiuto con la sua esperienza alla squadra ed ai suoi giovani compagni. Ringrazio la società che si è immediatamente attivata sul mercato non facendosi cogliere impreparata rispetto ad una situazione di imprevedibile difficoltà indipendente dalla propria volontà.”

Domantas atterrerà a Napoli nella serata di lunedì e martedì si unirà ai suoi nuovi compagni per i suoi primi allenamenti al PalaGalvani.

Christian Montella.

Ufficio stampa Angri Pallacanestro.