ANGRI, LA FINALE CONTRO SALA CONSILINA SI SPOSTA AL PALAGALVANI. CAMPITIELLO E BENINCASA: “UNITI SI PUO’ SOGNARE”

Il PalaGalvani è pronto per vivere la prima di due serate di grande basket. Domani sera, con palla a due alle 19.45,  ci sarà gara 3 della finale di C Gold contro Diesel Tecnica Sala Consilina. L’Angri Pallacanestro è galvanizzata dopo aver conquistato il punto dell’1-1 al PalaZingaro, al termine di un match insidioso ma quasi sempre comandato. Per i ragazzi di coach Massimo Costagliola c’è la consapevolezza che ancora nulla è stato fatto. Il percorso da intraprendere è ancora lungo e ricco di ostacoli. Servirà mantenere la calma nei momenti di difficoltà e non lasciarsi travolgere dalla tensione.

Predica calma, infatti, il presidente Alfonso Campitiello, che alla vigilia ha affermato.

“La parità dimostra che è una serie equilibrata. In campo ci sono due compagini forti e questo fa bene al movimento. Non abbiamo fatto ancora nulla, ci sono da affrontare due sfide in casa e dobbiamo essere concentrati. Mi auguro che il nostro palazzetto sarà il sesto uomo e ci spingerà nel miglior modo possibile.

Siamo ai nastri di partenza e il cammino è ancora tanto lungo. Ma abbiamo fiducia nello staff e nei giocatori. Loro devono solo pensare a stare tranquilli e esprimere la loro pallacanestro”.

Parole importanti espresse anche dal direttore sportino Tony Benincasa.

“Volevo complimentarmi con squadra e staff per il grande lavoro svolto dopo gara 1. Era troppo importante riportare la serie in pareggio e ci siamo riusciti disputando una partita quasi perfetta al cospetto di una grande squadra allenata da un coach esperto.

Ora ci attendono due sfide al PalaGalvani, che dovranno essere affrontate con determinazione, concentrazione e intelligenza.

Un’ultima considerazione la vorrei poi fare per il presidente Alfonso Campitiello che ha voluto essere vicino ai ragazzi durante la partita di giovedì per invitarli alla serenità e per far sentire forte il desiderio di una città intera che vuole fortissimamente raggiungere la meta.

Un percorso che non comincia ieri, ma che ha fondamenta profonde e solide”.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi